Melania Rea, Salvatore Parolisi: sequestrata la sua macchina

Le ultime notizie sul caso di Melania Rea vedono ancora una volta Salvatore Parolisi protagonista: pochi minuti fa ha lasciato la caserma di Frattamaggiore dove è stato chiamato. Dalle prime indiscrezioni sembra che gli sia stato comunicato il sequestro della sua macchina, una Renault Scenic. Ricordiamo che Salvatore Parolisi è ancora l’unico indagato per l’omicidio di Melania Rea. La donna è stata barbaramente uccisa il 18 aprile scorso ancora non è dato sapere se il delitto è avvenuto a Ripe di Civitella o altrove. Parolisi aveva denunciato la scomparsa della moglie quesi un’ora dopo non averla vista più a Colle San Marco ( luogo dove secondo la sua versione i due si trovavano insieme alla loro bambina Vittoria).

Gli inquirenti hanno quindi deciso di sequestrare la macchina di Parolisi per cercare forse quelle prove che ancora non sono state trovate. In pochi ormai credono alle versioni dell’uomo visto che fanno acqua da tutte le parti. La questione più evidente è quella che nessuno avrebbe visto quel giorno, il 18 aprile, Melania Rea e suo marito a Colle San Marco. Sono state analizzate decine di foto scattate da ragazzi che hanno trascorso tutta la giornata sul posto.

L’auto di Parolisi era stata già analizzata ma questa volta qualora si trovasse una prova potrebbe essere utilizzata in un eventuale processo. Si cercano nella vettura delle prove che potrebbero fare luce su quello che realmente è successo quel maledetto pomeriggio di aprile.

Inutile dire che la famiglia di Melania si distacca sempre di più da quello che era il loro amato genero. Troppe bugie sono state dette e chissa quanto ancora verrà fuori in questa brutta storia.

 

2 responses to “Melania Rea, Salvatore Parolisi: sequestrata la sua macchina

  1. Anche i familiari di Melania sospettano fortemente di Salvatore, come la stragrande maggioranza dell’opinione pubblica che segue il caso. E come potbbero non dubitare di lui, che cerca in tutti i modi di screditare le indagini degl’inquirenti, senza collaborare attivamente con essi?!?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.