Statua di Wojtyla imbrattata a Roma, una stella a 5 punte la nuova decorazione

La statua di Wojtyla che si trova davanti la Stazione Termini a Roma non ha riscosso si dall’inizio un grande successo e in effetti a vederla da vicino non è che si abbia questa grande sensazione di opera d’arte. Questo però non giustifica l’incidente che è avvenuto ieri, forse neppure tanto incidente. Dei vandali hanno disegnato una stella a cinque punte nera su una parte della statua in bronzo. Non è forse il mancare di rispetto a chi ha fatto la statua che da fastidio quanto per il fatto che l’opera rappresenti comunque un papa a cui tutti ci siamo affezionati. Si inizia poi a cercare di dare un senso a quella stella con supposizioni varie ma forse si è trattato solo di qualche ragazzino ubriaco che non avendo nulla da gare si è divertito così. Brutto da dirsi ma la realtà è anche questa.

E’ la seconda volta che la stato di Giovanni Paolo II viene presa di mira. Era successo infatti quest’estate già un’altra cosa. L’8 agosto infatti il protagonista era stato l’artista Krakov. L’uomo l’aveva coperta con un drappo rosso e aveva iniziato a gridare frasi del tipo: “No alla bruttezza, alla violenza estetica, etica e politica.” Questa volta però il gesto non dovrebbe avere nessun tipi si significato dal punto di vista artistico anche perchè in una stella a 5 punte fatta con una bomboletta c’è poco di artistico.

Sono subito iniziate le ricerche all’autore del gesto o agli autori. Nel frattempo gli esperti del bronzo, materiale di cui è fatta la statua, cercheranno di fare il possibile per sistemare il danno fatto.

Ecco le parole dell’assessore alle Politiche Culturali e al Centro Storico, Dino Gasperini: “Il personale della centrale di monitoraggio e di sorveglianza dei beni culturali e i funzionari della Sovraintendenza sono accorsi subito sul posto per verificare il danno e tutelare la statua di Wojtyla”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.