Gelo in Italia: diciannove le vittime

Salgono purtroppo a diciannove le vittime del gelo, dell’inaspettata neve che in Italia sta creando allarme e disagi da nord a sud. Ma non è finita e questa affermazione spaventa davvero perché il freddo gelido persisterà almeno fino al 12 febbraio, mentre dal giorno di San Valentino ovunque dovrebbe migliorare. Intanto questa mattina soprattutto a Milano le temperature sono scese ancora con meno dieci. E se al principio vedere scendere i fiocchi di neve ha fatto sorridere molti, felici dell’evento, la notizia della diciannovesima vittima sembra irreale. Si tratta di un camionista bloccato con il suo tir, ovviamente a causa della neve, lungo la superstrada del Liri, alle porte di Avezzano. L’uomo, che aveva 68 anni ed era residente a Bologna, con molta probabilità è stato colto da un malore.
Da solo è morto nel Molise anche un pensionato di 84 anni, ma quando è stato trovato la sua morte risaliva già a qualche giorno prima, sempre a causa di un malore.
Facile comprendere che con questo gelo i più deboli sono gli anziani e i senza tetto. Nel mantovano un extracomunitario di circa quaranta anni è stato trovato privo di vita in un casolare abbandonato.
La neve è scesa anche in Calabria e in Sicilia, ma oltre a piccoli disagi e rallentamenti nella circolazione stradale è al nord e al centro che si sono registrate e ancora persistono le vere difficoltà.
Si tratta chiaramente di un fenomeno eccezionale e il climatologo Vincenzo Ferrara spiega che è “determinato da una anomalia nella coincidenza di eventi atmosferici, ovvero l’allungamento dell’anticliclone atlantico fino alle zone artiche ha creato una situazione di blocco invertendo la circolazione atmosferica e causando la discesa di bolle di aria fredda dalla massa Siberiana fino alla nostra Penisola… dal 14 sull’Italia la morsa dovrebbe allentarsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.