La moglie di Bossetti denuncia: spiati mesi prima dell’arresto di Massimo

Marita Comi, la moglie di Massimo Giuseppe Bossetti torna a parlare in tv e lo fa per rilasciare delle brevi dichiarazioni al giornalista di Canale 5 che segue il caso per Segreti e Delitti, il programma in onda al venerdì sera di Mediaset. A una settimana dall’inizio del processo che vedrà imputato suo marito Massimo, con l’accusa di omicidio, Marita racconta un particolare che fino a questo momento aveva taciuto. “Massimo usciva la sera a portare fuori il cane, dopo mezzanotte e si era reso conto che c’era qualcuno di strano nei pressi della nostra casa. E’ successo diverse volte, due uomini che però io non saprei riconoscere. Li ho visti anche io Ne abbiamo riparlato proprio dopo il 16 giugno, il giorno del suo arresto” queste le parole di Marita. Chi erano questi uomini? Come immaginerete l’ipotesi della difesa di Bossetti è quella che ci fossero degli uomini dei Carabinieri o della Polizia che già mesi prima dell’arresto controllavano la casa di Bossetti ma per quale motivo? Dopo 4 anni dal’omicidio di Yara c’era ancora la possibilità che fuggisse? Ricordiamo che si è sempre detto che le indagini avevano portato a Bossetti solo il giorno prima del suo arresto, dopo il finto alcol test mentre prima in mano alle forze dell’ordine c’era solo un nome, quello di sua madre.

IPOTESI DELLA DIFESA DI BOSSETTI. YARA UCCISA DA UN GRUPPO DI BULLI

Il giornalista di Canale 5 prova quindi a chiedere ai vicini di casa e loro non ricordano nulla, non hanno notato nulla di strano. Una signora dice però che qualche mese prima, nel periodo di aprile c’erano stati dei furti. Potevano essere dei ladri? Per un’altra vicina di Bossetti invece un uomo, dallo strano aspetto, si vedeva spesso nella strada, stava seduto su un muretto ma non si capiva cosa volesse.

“Io non so chi fossero e non saprei neppure riconoscerli. Ce ne siamo accorti perchè il cane abbaiava ogni volta che li vedeva” queste le parole di Marita che conferma quindi la presenza di strani uomini mesi prima dell’arresto di Bossetti. Viene da chiedersi come mai se ne parli solo adesso a distanza da un anno dal giorno in cui suo marito è stato arrestato con l’accusa di aver ucciso Yara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.