La mamma la mette in punizione: bimba di 7 anni muore cadendo dal balcone


Una vicenda tutta da chiarire quella che arriva da Palermo. Una bambina di sette anni è caduta dal balcone della sua abitazione ed è morta: questa la tragica notizia che arriva dalla Sicilia ma la storia, per chi indaga, va approfondita. La bambina infatti avrebbe litigato e discusso con la mamma che l’avrebbe poi messa in punizione. Da qui la tragedia: non si capisce bene se la piccola abbia deciso di gettarsi come gesto di ripicca nei confronti della mamma o se si sia trattato solo di un drammatico incidente. Michelle viveva nel quartiere Zisa, a nulla sono serviti i soccorsi. Quando i sanitari del 118 sono arrivati la bambina era già priva di sensi, la corsa in ospedale e la constatazione del decesso. Papà palermitano e mamma nigeriana, la piccola viveva in quella che tutti descrivono come una famiglia felice. Ieri il dramma: la piccola ruba una gomma da masticare, la mamma la sgrida e la mette in punizione, almeno secondo quello che è il suo racconto. Michelle avrebbe iniziato a correre e così sarebbe poi caduta dal balcone ( un volo di 5 piani). Difficile davvero capire come siano andate le cose, dovranno dare risposta alle tante domane gli inquirenti che indagano sulla morte della bambina.

“La vicenda è ancora tutta da chiarire: servono ulteriori approfondimenti investigativi“. Lo ha detto il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi a proposito della morte di Michelle Livigni.

Potrebbe essere utile ai fini delle indagini anche la testimonianza del fratellino di Michelle. Il bambino ha 5 anni e al momento della caduta della sorellina si trovava in casa, probabilmente ha anche assistito al litigo tra la bambina e la mamma e potrà confermare o smentire la versione data dalla donna. Le indagini sono iniziate ma il dramma per la morte di una bambina di soli 7 anni resta indelebile per tutti.


Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close