Ennesimo femminicidio: uccide la compagna strangolandola, i figli erano in casa

Ancora una volta raccontiamo un femminicidio, ancora una volta parliamo di una donna uccisa dall’uomo che avrebbe dovuto proteggerla per sempre. Siamo in provincia di Monza Brianza, a Seveso. Un uomo di 56 anni ha strangolato la compagna 29enne, al termine di una lite avvenuta nella loro casa di Seveso (Monza) nella notte tra mercoledì e giovedì. La donna avrebbe cercato di difendersi dal gesto del suo compagno ma non ce l’avrebbe fatta. Pare, da quelle che sono le prime notizie sul caso, che in casa fossero presenti anche i figli della coppia. La speranza è che i bambini non abbiamo almeno visto con i loro occhi quello che stava accadendo in casa alla loro mamma.

OMICIDIO A SEVESO: LE ULTIME NOTIZIE- Secondo la ricostruzione dei carabinieri di Seregno, intervenuti sul posto su segnalazione dei vicini di casa, la lite culminata in tragedia è avvenuta mentre i due bambini della coppia erano in casa. Stando a quanto emerso, la coppia, lui italiano e lei peruviana, da qualche tempo aveva problemi. Quando i carabinieri hanno bussato al loro appartamento, l’uomo stava tentando di nascondere il corpo della compagna dietro un mobile. I carabinieri lo hanno arrestato per omicidio in flagranza di reato.

I Carabinieri, intervenuti prontamente sul posto, hanno poi provveduto a chiedere aiuto anche per i bambini, tre figli che frequentano le scuole elementari che sarebbero stati affidati, almeno per questa prima notte, a dei conoscenti di fiducia della coppia. Secondo le indiscrezioni emerse in queste ore, il 50enne avrebbe ucciso la sua compagna strangolandola a mani nude. Nelle prossime ore, con gli esami autoptici sul cadavere della donna, si troveranno probabilmente tutte le risposte del caso. Nel frattempo si cerca di capire se la donna in passato avesse magari denunciato altri episodi di violenza, se i vicini li avevano sentiti litigare, per capire anche da cosa possa essere sfociato questo gesto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.