Le Iene, Stefano Cucchi: la ex moglie di un carabiniere accusato racconta tutto in un’intervista (VIDEO)


stefano cucchi

Nella puntata di ieri, 21 ottobre 2018, del programma Le Iene, si è tornati a parlare del caso di Stefano Cucchi. In un’intervista la ex moglie di uno dei carabinieri accusati ha rivelato quanto riferitole dal marito ai tempi dei fatti e non solo. Dunque il muro di silenzio si è sgretolato e piano piano stanno venendo a galla le verità collegate a quel giorno di nove anni fa, quando Stefano Cucchi è stato pestato senza pietà dai Carabinieri a seguito di un arresto. “Quante gliene abbiamo date“, avrebbe detto il carabiniere Raffaele D’Alessandro alla ex moglie, che ha taciuto il fatto tutti questi anni per paura. L’uomo si è infatti dimostrato più volte aggressivo, almeno verbalmente, anche nei suoi confronti.

A LE IENE PABLO TRINCIA INTERVISTA LA EX MOGLIE DEL CARABINIERE RAFFAELE D’ALESSANDRO, ACCUSATO DEL PESTAGGIO CHE HA PORTATO ALLA MORTE DI STEFANO CUCCHI

In un servizio di Pablo Trincia andato in onda a Le Iene, si è parlato del muro di silenzio nato intorno al pestaggio avvenuto ai danni di Stefano Cucchi il giorno del suo arresto. E così il giornalista ha intervistato il carabiniere Casamassima, uno dei pochi ad aver rivelato quanto accaduto quella notte. L’uomo, a seguito delle sue dichiarazioni, è stato trasferito e svolge ora un ruolo diverso da quello di prima, percependo anche uno stipendio più basso.


Ma le parole che hanno colpito ancora di più i telespettatori sono quelle della ex moglie di uno dei carabinieri accusati del pestaggio che ha portato alla morte di Stefano Cucchi nove anni fa. La donna, visibilmente dispiaciuta, ha svelato come quello che era suo marito avesse commentato le vicende legate a Stefano Cucchi.

C’ero pure io, quante gliene abbiamo date…“, avrebbe detto alla moglie, sminuendo la realtà dei fatti. Anche vedendo le immagini del corpo martoriato di Stefano Cucchi, veicolate da tutti i media, l’uomo non si sarebbe sentito minimamente in colpa, trattandosi solo di un “drogato di m….“. Parole davvero forti quelle pronunciate da questa donna dall’aspetto giovane ma che sembra essere ancora intimorita da quello che è ormai solo il suo ex marito.

All’epoca dei fatti avevano due bimbi piccoli. D’Alessandro era estremamente geloso della moglie, controllando ogni suo movimento e arrivando spesso ad alzare la voce molto più del dovuto. In più occasioni addirittura sarebbero arrivate delle telefonate dalla caserma, nelle vicinanze della quale vivevano, per chiedere se ci fossero problemi.

Dalle parole di questa donna, la cui intervista a Le Iene arriva ora che il muro si silenzio si è sgretolato, emerge il ritratto di un uomo strafottente. “Sta put….” era il modo in cui si riferiva ad Ilaria, sorella di Stefano Cucchi, alla quale oggi la ex moglie del carabiniere accusato chiede scusa. Ha ammesso di averla contattata e di aver ricevuto comprensione da parte sua, comprendendo le ragioni per le quali avesse evitato di parlare all’epoca dei fatti.

Per vedere il video dell’intervista di Pablo Trincia de Le Iene alla ex moglie del carabiniere accusato del pestaggio si Stefano Cucchi, clicca qui.


Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close