Libia ultime notizie, il regime Gheddafi usa scudi umani


E’ di due ore fa una delle ultime notizie sulla guerra in Libia: il regime libico  starebbe reagendo usando mezzi non convenzionali.

Le forze pro-Gheddafi starebbero portando a Misurata civili da città vicine per usarli come scudi umani. Lo ha detto un portavoce degli insorti. Questa notte la coalizione internazionale ha colpito e distrutto un edificio del bunker di Muammar Gheddafi a Tripoli. Secondo quanto riferito da un responsabile dell’alleanza, il bunker ospitava un centro di “comando e controllo” delle forze libiche.

L’edificio in questione è situato a una cinquantina di metri della tenda dove il colonnello riceveva normalmente i suoi ospiti. È stato completamente distrutto da un missile, ha indicato un portavoce del regime, Moussa Ibrahim, ai giornalisti stranieri che sono stati trasportati in autobus sul posto per verificare di persona.

Sulla missione degli italiani è intervenuto stamane il ministro degli Esteri Franco Frattini, secondo il quale per le operazioni in Libia «è giunto il momento di passare sotto l’ombrello della Nato», e fa bene il presidente della Repubblica a dire che «non dobbiamo lasciarci intimidire dal colonnello Muammar Gheddafi».


Per Frattini in Libia non ci deve essere una «guerra» e l’Italia intende verificare «la coerenza» dell’azione della coalizione internazionale con il pieno rispetto della risoluzione 1973 dell’Onu. Frattini ha osservato che le minacce di Gheddafi alla comunità occidentale, Italia inclusa, «non sono venute fuori solo ieri» e dal colonnello siamo stati abituati a «minacce di ogni tipo». Ma al tempo stesso, ha rilevato Frattini, da Gheddafi «abbiamo anche sentito la dichiarazione solenne di un “cessate il fuoco” e, anche in questo caso, non aveva detto la verità».

Giusy Cerminara


Leggi altri articoli di Dal Mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close