Gheddafi si ritira da Misurata

L’esercito di Gheddafi ha abbandonato definitivamente Misurata. Il rais,però, non ha alcuna intenzione di arrendersi. Fonti del governo affermano che sono stati presi accordi specifici tra Gheddafi e le tribù fedeli al governo, perché queste intervengano a Misurata utilizzando ogni mezzo per distruggere i ribelli. Saranno utilizzati anche i civili per combattere contro i ribelli. Anche se l’ultimo scontro tra ribelli ed esercito ha fatto registrare 25 morti e più di 100 feriti, come fa sapere un medico del principale ospedale della città.

A Tripoli, intanto, continuano i bombardamenti da parte dei bombardieri della Nato che cercano di colpire gli arsenali del rais. Testimoni, tra cui i giornalisti che si trovano nella capitale libica, confermano che da ieri sera e durante la notte ci sono state forti esplosioni. Una forte esplosione si è sentita anche vicino all’albergo dove sono alloggiati i reporter, che non è molto lontano dal centro cittadino. I giornalisti hanno sentito entrare in azione la contraerei libica che ha cercato di contrastare l’attacco della coalizione.

Insieme ai bombardieri della coalizione stanno operando anche i droni americani, aerei senza piloti, capaci di bombardare obiettivi messi a punto dalle missioni militari e senza rischiare la vita dei piloti statunitensi.

Buone notizie invece per il rimorchiatore italiano Asso 22, trattenuto nel porto di Tripoli da circa un mese, da uomini del regime armati. Ieri il rimorchiatore è stato rilasciato e oggi ha raggiunto le coste italiane, attraccando in Sicilia. La buona notizia è che i componenti dell’equipaggio stanno tutti bene.

Teresa Corrado

One response to “Gheddafi si ritira da Misurata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.