Libia: il Colonnello Gheddafi è pronto a trattare

Gheddafi è pronto a trattare. È quanto ha affermato lui stesso in un discorso alla nazione. Sembrerebbe quasi una dichiarazione di debolezza, ma non è così. Il Colonnello chiede ai Paesi della Nato che stanno bombardando la Libia di trattare. Per Gheddafi l’azione dell’Alleanza Atlantica è incomprensibile. L’esercito libico non ha attaccato nessuno stato straniero, né ha sconfinato, per cui, dice di non capire questi bombardamenti. Non cita però le azioni dell’esercito libico contro i civili in rivolta. Tuttavia, annuncia in diretta tv che non lascerà il potere e apre alle trattative di cessate il fuoco.

Nel caso in cui i Paesi della Nato non vogliano trattare, il popolo libico, afferma Gheddafi, sarà pronto a morire per difendere la sua libertà. Per contrastare gli attacchi, definiti “terroristici”, che sono andati ben oltre quanto prevedeva la risoluzione dell’Onu. Proprio per questo il Rais ha invitato i paesi amici, Russia, Cina, i paesi africani e sudamericani a fare pressione sul Consiglio di sicurezza dell’Onu.

Gheddafi ha voluto anche invitare nuovamente i ribelli a deporre le armi. Il Colonnello sarebbe disposto a concedere un’amnistia ai rivoltosi se entro il 3 maggio smetteranno di combattere. Intanto continua il blocco navale a Misurata, roccaforte dei ribelli a circa 200 chilometri dalla capitale. Il regime avverte che tutte le navi che tenteranno di approdare nella città potrebbero essere colpite. Gli aiuti ai ribelli potranno arrivare solo via terra e dalle truppe fedeli al Rais.

Proprio durante la diretta tv, i raid della Nato hanno colpito obiettivi non lontani dalla sede della televisione di stato. Per il regime Gheddafi sarebbe diventato un obiettivo lui stesso.

Giuseppe Procida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.