Libia ultime notizie, camion carichi di oro e soldi vanno verso il Niger

Libia ultime notizie-L’accusa viene da Fathi Baja, uno dei portavoce del Consiglio nazionale transitorio, secondo cui la scorsa notte una colonna di camion carichi di oro e soldi in euro e dollari, avrebbero varcato il confine scortati dalle forze lealiste, ma aiutati anche da tribù tuareg nigeriane. In tutto sarebbero stati una decina i camion che si sarebbero diretti dalla Libia in Niger. Non sarebbe una notizia del tutto irreale se si pensa che ieri si parlava di alcuni uomini vicini a Gheddafi che si sarebbero rifugiati in Niger, tra cui spiccherebbe la figura di Mansour Daw ex ministro del rais e suo uomo di fiducia. Insieme ai camion anche molti soldati che hanno scortato il carico e che si pensa siano forze leali al colonnello rifugiatesi in un paese straniero, che da l’appoggio al colonnello.

Al Jazira, la tv araba, trasmette in diretta i colloqui per la resa della città di Bani Walid che sono in corso in questi giorni. Mentre i delegati della città sono propensi a firmare un accordo pacifico, anche se questo non è ancora avvenuto.

Le voci invece che arrivano dal Niger, riferiscono di un convoglio formato da 200 veicoli, provenienti dalla Libia e che tra questi figurerebbe Muammar Gheddafi o uno dei suoi figli. Il convoglio dovrebbe ricongiungersi a quello che nei giorni scorsi ha raggiunto la capitale nigeriana.

Continua, invece, l’avanzata dei ribelli verso Sirte. Secondo quanto riferiscono fonti degli insorti, le truppe hanno guadagnato altri otto chilometri avvicinandosi sempre più alla città ancora in mano ai lealisti e che continua a resistere. Ad aiutare i ribelli, ancora una volta, la Nato che continua a bombardare la città portuale cercando di distruggere le postazioni delle truppe di Gheddafi.

Teresa Corrado

2 responses to “Libia ultime notizie, camion carichi di oro e soldi vanno verso il Niger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.