Coronavirus ultime notizie: il numero dei morti cresce, raddoppiano i contagi

coronavirus raddoppiano contagi

Il coronavirus continua a fare paura e le ultime notizie fanno sapere di un aumento del numero dei morti ma anche dei contagiati. L’allarme è ancora elevato e si cercano soluzioni per arginare al meglio il virus che, ricordiamo, è partito dalla Cina, precisamente dalla città di Wuhan. Intanto in Cina si registrano, ad oggi, 132 morti su quasi 6mila contagi sicuri. I numeri sono in abbastanza preoccupanti, soprattutto se si considera che superano quelli della Sars. Quest’ultimo virus, nel biennio 2002-2003, aveva portato a 5.327 contagi. Più elevato però, in rapporto, è il numero dei decessi, che all’epoca arrivò a 349. Pare però che si possa parlare di un rallentamento dei contagi, relativo alla giornata di ieri rispetto a quella precedente. Se lunedì sono stati confermati 2.077 casi, nella giornata di martedì si è parlato di 1.459. Per quanto riguarda coloro che sono guariti dal virus e dimessi dall’ospedale, il numero è di circa 100 persone. Il problema rimangono però i casi “sospetti”, quelli non ancora accertati, che sono migliaia.

Coronavirus, quasi 10mila casi sospetti oltre a quelli accertati

Oltre ai decessi e ai casi accertati, ce ne sono moltissimi sospetti. Si parla quasi di 10mila persone che presenterebbero sintomi in parte compatibili con il virus. Bisogna considerare infatti che i sintomi base sono quelli di una normale influenza e solo con analisi più approfondite è possibile comprendere se si tratti o meno del coronavirus.

I casi al di fuori di Wuhan, i dati dichiarati dalla Cina

Oltre ai casi registrati a Wuhan, che sono davvero moltissimi, ce ne sono altri anche in altre aree della Cina, con un numero decisamente inferiore. A Shangai, fanno sapere dalla Cina, ci sono stati 16 casi nuovi, mentre a Pechino ce ne sono 11. A Shangai un paziente è comunque guarito dal virus a seguito del trattamento a cui è stato sottoposto in ospedale.

Il rimpatrio degli italiani

Ma cosa succederà invece agli italiani che si trovano a Wuhan? Questi dovranno essere rimpatriati e con un vertice alla Farnesina si provvederà a definire le modalità dello spostamento per evitare che l’epidemia scoppi anche in Italia. Per il momento nel nostro Paese non sono stati rilevati contagi. A Napoli c’erano tre casi sospetti, due dei quali non risultano essere stati contagiati dal coronavirus. Per il terzo si attendono i risultati delle analisi ma al momento non c’è nulla di cui preoccuparsi. Sta di fatto che il virus fa paura per la sua enorme portata e per la capacità di diffondersi a così tante persone in poco tempo. Non ci resta che attendere aggiornamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.