Coronavirus, la Russia registra il primo vaccino: la figlia di Putin tra i primi a testarlo


L’annuncio arriva dalla Russia ed è di pochissimi minuti fa: sarebbe stato registrato il primo vaccino per prevenire il coronavirus. E’ il primo paese al mondo a farlo. Ad annunciarlo è stato Vladimir Putin, il presidente russo. Non solo, Putin ha anche spiegato che la prima, a testare il vaccino, è stata sua figlia.

La notizia sta facendo in questi minuti il giro del mondo: “Per la prima volta al mondo, è stato registrato un vaccino contro il nuovo coronavirus“, ha detto il presidente, aggiungendo che sua figlia è stata vaccinata. Il ministro della Salute, Mikhail Murashko, ha confermato che il vaccino del Russian Microbiology Research Center Gamaleya è stato registrato. In queste ultime settimane si è molto parlato del vaccino che potrebbe arrivare prima del 2021 dopo i diversi test. La Russia invece sembra essere già pronta.

LA RUSSIA ANNUNCIA IL PRIMO VACCINO CONTRO IL CORONAVIRUS

Mentre negli altri paesi, dalla Cina agli Stati Uniti, si procede con cautela, con altri test prima di capire se davvero i vaccini possano essere efficaci, è soprattutto quali potrebbero essere le contro indicazioni, la Russia presenta in modo ufficiale il suo vaccino.

Putin ha aggiunto di auspicare “la produzione di massa di questo medicinale nel prossimo futuro, è molto importante”.

Putin per dimostrare quanto si creda nell’efficacia di questo vaccino, ha spiegato che anche una delle sue figlie è stata vaccinata, anche per dimostrare che non si temono quindi particolari contro indicazioni. “Una delle mie figlie è stata vaccinata . Ha preso parte alla sperimentazione. Dopo essere stata vaccinata ha avuto 38 di febbre, il giorno dopo leggermente più di 37, questo è tutto“. La vaccinazione, ha sottolineato il leader del Cremlino, sarà volontaria.

La fase 3 dei test clinici sarebbe iniziata la scorsa settimana ed è per questo motivo che la Russia ha deciso di andare avanti presentando al mondo intero il suo vaccino.

Leggi altri articoli di Dal Mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close