Pensioni news, proroga Opzione Donna fino al 2021: ma non basta?

pensioni news

In questi giorni si sta tanto parlando di pensioni e proroga Opzione Donna fino al 2021. Il Governo sta dunque pensando di allungare di un anno la possibilità di andare in pensione in anticipo rispettando alcuni requisiti rivolti a determinate categorie di lavoratrici. Ma la proroga di un anno potrebbe non essere sufficiente, come sottolinea il CODS (Comitato Opzione Donna Social) che si augura qualcosa di meglio e risolutivo rispetto a una proroga di solidi 12 mesi che non garantirebbe grandi risultati e di fatto non risolverebbe il problema a monte (puntando a trovare una soluzione solo per l’immediato e non per il lungo periodo).

Pensioni news, proroga Opzione Donna fino al 2021: ma non basta?

Orietta Armiliato, amministratrice del Gruppo CODS, risponde in modo diretto al Governo che proprio ieri aveva fatto sapere di voler prorogare l’Opzione Donna fino a tutto il 2021. “Noi del Comitato Opzione Donna […] rappresentiamo oltre 6.400 donne Lavoratrici che meriterebbero un sistema più dignitoso di questo barbaro “di anno in anno” . […] Le analisi tecnico-economiche hanno certificato la sostenibilità dell’Opzione Donna perciò la si renda accessibile al 2023 così che sia possibile pianificare il proprio futuro con la dovuta serenità“.

Insomma il futuro è ancora incerto per quanto riguarda questa opzione per la quale, al momento, la proroga prevista è di 12 mesi (Opzione Donna consente alle donne di 58 anni – o 59 se autonome – di andare in pensione anticipata con 35 anni di contributi). Ma molto potrebbe ancora accadere visto che proprio in queste settimane la Riforma Pensioni è al centro delle priorità del Governo, impegnato anche su un’altra annosa questione, quella relativa al Coronavirus e alla diffusione dei contagi che continuano a crescere.

Pensioni news: cosa sapere su Ape Sociale

Anche l’Ape Sociale è in odore di proroga e potrà quindi essere utilizzata come strumento per andare in pensione fino al 31 dicembre 2021. Anche in questo caso, così come per l’Opzione Donna, misure e modalità di rinnovo dovranno ancora essere discusse. Con il rinnovo dell’Ape Sociale, nella pratica si potrà andare in pensione a 63 anni e 30 anni di contributi (36 anni per coloro che svolgono i cosiddetti lavori gravosi).

Stando alle ultime indiscrezioni, però, il Governo starebbe anche lavorando all’ampliamento delle categorie beneficiarie di questa opzione. Ampliamento chiesto a gran voce, negli ultimi mesi, dagli stessi sindacati nel tentativo di tutelare un sempre maggior numero di lavoratori che rischierebbero altrimenti di essere troppo penalizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.