Bonus tv 2021, come fare per rottamare il vecchio apparecchio

Bonus tv 2021, come fare per rottamare il vecchio apparecchio

Il bonus tv 2021 consente di rottamare il vecchio apparecchio per comprarne uno nuovo e usufruire così dell’incentivo previsto dallo Stato. Ma ci sono regole precise da seguire per poter sfruttare la rottamazione e risparmiare sull’acquisto di un nuovo televisore, adesso che il digitale è alle porte e occorrerà muoversi in tempo per continuare a vedere tutti i canali senza troppi problemi.

Scopriamo dunque cosa fare per usufruire del bonus tv 2021 con rottamazione, ricapitolando anche quanto si può risparmiare con questo prezioso incentivo.

Bonus tv 2021, come fare per rottamare il vecchio apparecchio

La rottamazione del vecchio tv può essere fatta direttamente al momento dell’acquisto del nuovo televisore. Basterà riconsegnare al negoziante quello vecchio e sarà lui a prenderlo in carico occupandosi dello smaltimento secondo la procedura prevista dalla Legge.

Il negoziante applicherà poi il 20% di sconto sull’acquisto del nuovo televisore fino a un massimo di 100 euro previsto dal Governo. Ma la rottamazione della vecchia televisione può avvenire anche in un altro modo ovvero consegnandola in prima persona in una discarica autorizzata. In questo caso, per usufruire del bonus tv 2021, (che – ricordiamo – può essere richiesto anche senza presentazione dell’Isee) sarà assolutamente necessario munirsi di uno specifico modulo che certificherà l’avvenuta consegna dell’apparecchio. Per la rottamazione occorrerà anche dichiarare di essere in regola con il pagamento del canone Rai e specificare quindi che si sta rottamando un televisore non conforme ai nuovi standard. Il modulo che andrà firmato e al quale andrà allegato un documento di identità in corso di validità, andrà poi consegnato al negoziante presso il quale sarò acquistato il nuovo apparecchio tv.

Bonus tv con rottamazione: l’Agenzia delle Entrate controllerà i dati degli acquirenti

Sconsigliato fare i furbetti perché i dati dell’acquirente saranno inseriti su una piattaforma telematica in modo da poter accertare l’esistenza dei requisiti da parte dell’Agenzia delle Entrate che, anche in un secondo momento, potrà effettuare tutti i controlli del caso per verificare che le regole siano state rispettate da parte del cittadino e che sia usufruito del bonus tv avendone realmente il diritto.

Ricordiamo infine che il 20 giugno 2022 sarà completato lo switch-off al DBV-T2 e per quella data chi è in possesso di vecchi apparecchi tv dovrà assolutamente comprarne uno di ultima generazione per continuare a vedere i vari canali. In alternativa all’acquisto di un nuovo apparecchio potrebbe essere comprato anche uno specifico decoder. L’importante, insomma, è rispettare la procedura prevista per l’utilizzo di questo bonus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.