Emanuela Orlandi ultime notizie, Ali Agca torna a parlare: “E’ viva”

Lo sostiene da diverso tempo e continua a farlo ancora oggi. Con una lettera aperta, ancora una volta Ali Agca torna sul caso Emanuela Orlandi. In questo ultimo mese di è molto parlato della ragazza scomparsa dalla città del Vaticano nel 1983. Da quel momento la sua famiglia non ha avuto sue notizie ma ha sempre continuato a lottare per avere la verità su questa vicenda. Pochi giorni fa l’apertura delle tombe nel cimitero Teutonico del Vaticano, dopo le nuove segnalazioni ricevute dalla famiglia Orlandi. Le indagini in Vaticano vanno avanti ma per il momento non ci sono novità.

Approfittando probabilmente, delle ultime notizie sul caso, Agca ha scritto una lettera per la stampa internazionale ribadendo un concetto che ha già espresso qualche anno fa: Emanuela Orlandi sarebbe viva.

EMANUELA ORLANDI ULTIME NOTIZIE: ALI AGCA TORNA A PARLARE, LA RAGAZZA E’ VIVA

Non fu mai sequestrata nel senso classico del termine, ma fu vittima di un intrigo internazionale per motivi religiosi-politici collegati anche con il Terzo Segreto di Fatima, sostiene l’attentatore di Papa Giovanni Paolo II. Secondo Agca, la famiglia Orlandi dovrebbe cercare altrove e rivolgersi anche alla CIA per scoprire la verità su questa vicenda.

La famiglia di Emanuela Orlandi ha sempre lottato per la verità, cercando ovunque la ragazza. Negli ultimi anni però Pietro e i suoi familiari sembrano essersi rassegnati al fatto che la loro amata, sia morta, anche per questo credevano veritiera la pista che portava al cimitero Teutonico. Su questa pista in ogni caso si continua a cercare: nell’ossario del cimitero, sotto le tombe delle due principesse, sono state ritrovate molte ossa e per effettuare analisi e comparazioni varia, ci vorrà diverso tempo.

Basta con menzogne e calunnie contro i morti come il prelato Marcinkus e Enrico de Pedis e altre persone innocenti. Nessuna criminalità e nessuna sessualità c’entrano con il caso Emanuela Orlandi“, ha proseguito l’ex terrorista. “Tutti invitano il Vaticano a rivelare qualche documento in suo possesso sull’intrigo internazionale Emanuela Orlandi. Invece io invito la Cia a confessare la responsabilità diretta sul complesso di intrighi internazionali degli Anni Ottanta. Ci sono molte cose da dire, ma per ora devo limitare il discorso” ha concluso Agca nella sua lettera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.