Omicidio Luca Sacchi parla la mamma dell’assassino: “E’ giusto che adesso paghi”

Non è stato sicuramente facile per una madre entrare in un commissariato e denunciare il proprio figlio. Non per una rapina qualsiasi, non per spaccio ma per omicidio. La vergogna di un reato già sarebbe stata enorme ma il dolore per quello che è accaduto è ancora più grande visto che Valerio del Grosso, impugnano la pistola, ha ucciso un ragazzo di 24 anni. Per la prima volta parla la madre dell’assassino di Luca Sacchi e spiega sconvolta i motivi che l’hanno portata a chiedere immediatamente aiuto alle forze dell’ordine, denunciando suo figlio. Non ha dubbi la signora Giovanna sul gesto che ha fatto, la sua vita è cambiata per sempre ma il pensiero è per la famiglia di Luca. Loro non avranno più un figlio da abbracciare: “Sono distrutta dal dolore sapendo che una mamma e un papà un’intera famiglia, sta piangendo la morte di un figlio. Ancora non posso credere che Valerio abbia potuto fare un gesto simile. E’ giusto che adesso paghi e si assuma le sue responsabilità e so che lo farà”.  Parole forti che mostrano il coraggio di una madre. Suo figlio, a detta di molti, era un insospettabile.

OMICIDIO LUCA SACCHI: PARLA LA MAMMA DI VALERIO DEL GROSSO

Nella sua intervista per il Giornale Radio 1, la mamma di Valerio del Grosso parla di quello che l’ha spinta a denunciare suo figlio.  “Non ho pensato mai nemmeno un minuto che si potesse fare una cosa diversa da quella che ho fatto. La nostra è una famiglia perbene, di lavoratori e per questo non potevamo aggiungere al dolore di questa tragedia la vergogna di sentirci in qualche modo complici” il gesto di una donna forte e coraggiosa.

La donna ribadisce che per suo figlio questo potrebbe essere un riscatto, pagare per quello che ha fatto, assumersi le sue colpe. La donna però sottolinea anche che suo figlio si sarebbe costituito anche senza essere denunciato perchè non voleva farlo. E’ convinta di questo e spiega che gli avvocati avranno poi il compito di dimostrare come sono andate le cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.