Il padre di Luca Sacchi difende ancora suo figlio: sono gli altri a mentire, il ragazzo non sapeva nulla della droga

Non vuole che si accosti il nome di suo figlio al mondo della droga. Sin dal primo giorno il padre di Luca Sacchi ha voluto allontanare da suo figlio ogni possibile accusa. Il ragazzo non aveva nulla a che fare con il mondo nel quale orbitavano le altre persone coinvolte in questa vicenda. Il padre di Luca Sacchi scende di nuovo in campo per ribadire che suo figlio non ha nessun coinvolgimento nello scambio di droga, non sapeva probabilmente neppure nulla di quello che Anastasiya e Giovanni Princi stessero facendo. Il padre di Luca inoltre non crede neppure alle parole di Domenico Munoz, conoscente di suo figlio che avrebbe parlato di una frase in particolare. “Tutto a posto” avrebbe detto Anastasiya a Luca, come per rassicurarlo di qualcosa, come se lui sapesse che quella sera davanti al Pub doveva succede qualcosa, doveva esserci lo scambio. Ma i genitori di Luca non credono alle parole del giovane: è una delle ennesime versioni date, se avesse voluto dire la verità lo avrebbe fatto sin da subito.

IL PADRE DI LUCA SACCHI DIFENDE ANCORA SUO FIGLIO: NON SAPEVA NULLA DELLA DROGA

Il mondo della famiglia di Luca sta cambiando, è cambiato per sempre il 23 ottobre, due mesi fa, quando il ragazzo è stato freddato senza motivo. A dolore si aggiunge altro dolore: la consapevolezza che Anastasiya possa aver mentito. E poi quelle brutte frasi che la ragazza ha detto: le offese verso la mamma di Luca, definita una racchia, una donna che non ha mai lavorato nella sua vita, proveniente da una famiglia calabrese di ignoranti. Parole dure verso due genitori che, poche ore dopo la morte del loro figlio, l’avevano accolta in casa, facendola dormire nel letto di Luca.

Al Messaggero il padre di Luca, Alfonso Sacchi, ha dichiarato: “Conoscevo mio figlio, al massimo penso che per il bene che voleva ad Anastasia quella sera sia uscito nonostante il mal di schiena per capire cosa stesse succedendo “.

I genitori di Luca pretendono di conoscere la verità su quella sera e andranno avanti fino a quando non la otterranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.