A Genova un ragazzo di 24 anni muore dopo 5 giorni di febbre alta: per lui nessun tampone


Notizie Flash- Ancora una brutta notizia dalla Liguria dopo il caso del macchino di 41 anni morto perchè non si era capito che era affetto da COVID19. Poche ancora le informazioni ma la storia che dobbiamo raccontarvi è davvero drammatica. Mentre in Italia ci si prepara alla fase 2, ancora continua a essere complicato poter fare un tampone. Un ragazzo di 24 anni è morto in casa questa mattina a Genova. Il giovane, che soffriva del morbo di Crohn, aveva la febbre alta da cinque giorni.

Il medico curante aveva chiesto nei giorni scorsi che il giovane venisse sottoposto a tampone, che verrà ora eseguito post mortem sulla salma. Sul posto sono intervenuti i medici del 118 e gli agenti del commissariato Centro e il medico curante. 

Il ragazzo è stato trovato morto questa mattina nella casa in cui viveva.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE DALLA LIGURIA: 24ENNE MUORE SENZA TAMPONE

Il ragazzo per più di una settimana potrebbe esser rimasto a contatto anche con altri medici che lo hanno curato, oltre a esser stato vicino chiaramente ai suoi familiari che potrebbero essere, a questo punto, sottoposti a tampone qualora fosse accertato che il giovane è morto a causa del coronavirus.

Potrebbe esser aperta una indagine della magistratura per capire se siano stati fatti degli errori che potrebbero esser costati la vita al giovane 24enne ligure.

Nelle ultime ore si è parlato molto della Liguria in seguito a quello che è successo a Lavagna. Ieri, solo al terzo tamponesi è scoperta la positività di un paziente che è poi deceduto . Questa scoperta ha portato alla chiusura temporanea del reparto di Medicina, per sanificarlo. E al trasferimento dei ricoverati, tra cui 8 positivi.

Secondo il governatore Giovanni Toti l’obiettivo dei zero nuovi contagi in regione non sarà raggiunto prima di fine maggio (e con l’incognita delle riaperture nella “Fase 2”) e non a metà mese come da proiezioni dell’Istituto superiore di sanità .

Leggi altri articoli di Ultimissime

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close