Neonata trovata morta a Roccapiemonte: scarcerato il padre, si indaga ancora


Continuano le indagini per capire che cosa è successo il giorno in cui la neonata di Roccapiemonte è morta. A poche ore dal ritrovamento del cadavere della piccola, era stato arrestato suo padre, mentre la madre della bambina è in ospedale. Oggi ci sono novità: il padre della neonata è stato rimesso in libertà. La misura cautelare non è stata convalidata per mancanza di gravi indizi di colpevolezza. “Sono felice di aver incontrato un magistrato che ha avuto il coraggio di prendere la decisione giusta nonostante vi fossero i riflettori puntati su questa vicenda”, ha detto all’Ansa l’avvocato Michele Tedesco.

NEONATA MORTA A ROCCAPIEMONTE: LE ULTIME NOTIZIE

Proseguono invece le indagini che dovranno portare in ogni caso verso un colpevole. Potrebbe esser stata gettata dalla finestra mentre era ancora viva la piccola, ma saranno i medici che seguono il caso a dare nelle prossime ore tutte le risposte necessarie per capire cosa sia accaduto.

C’è però la conferma della misura cautelare del carcere per la madre del neonato, il che lascia pensare che le forze dell’ordine di concentrino in questa direzione. La donna resta ancora piantonata all’ospedale di Nocera Inferiore dove è ricoverata dal 3 settembre 20202.

I legali della donna, Stefano Della Corte e Giovanna Ventre hanno affermato che la loro assistita “è affetta da anni da grave patologia psichiatrica, per la quale era in cura presso vari specialisti”, ed è devastata da questa tragedia.

Lei e le famiglie hanno provveduto al funerale e a dare sepoltura alla piccola. La disponibilità con la autorità giudiziaria, in cui si ha la massima fiducia, sarà totale, hanno fatto sapere i legali che difendono la donna.

Leggi altri articoli di Ultimissime

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close