Spostamenti tra regioni a Natale: misure severe, cosa si può fare e cosa no

E’ stato approvato nella notte il decreto che entrerà in vigore da domani, 4 dicembre 2020. Il famoso decreto Natale del quale ormai si parla da settimane. C’è grande attesa per la pubblicazione della versione ufficiale del DPCM, al momento infatti si continua a discutere su quella che sarebbe la bozza, arrivata agli organi di stampa. E’ in ogni caso questione di ore: a breve sarà resa nota la versione ufficiale del DPCM.

La grande incognita era la possibilità di spostarsi tra regioni a Natale: si potrà fare? Quando sarà possibile lasciare la propria casa? E quale sarà la mobilità concessa tra le regioni? La bozza del nuovo DPCM è stata pubblicata dall’Ansa che anticipa quindi quelle che dovrebbero essere le misure imposte dal Governo; come era trapelato anche nei giorni scorsi, si concederà molto poco, soprattutto nei giorni di festa. Impossibile muoversi tra Natale e Befana, chi deve farlo dovrà farlo in anticipo visto che la data ultima per lo spostamento in casa di necessità, è il 21 dicembre 2020.

NUOVO DPCM SPOSTAMENTO TRA REGIONI A NATALE: COSA SI PU’ FARE E COSA NO

Vediamo quindi quelle che sono le novità sul decreto:

Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è vietato, nell’ambito del territorio nazionale, ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Sarà consentito, quindi, tornare presso la propria abitazione fuori Regione, ma non ci si potrà spostare nelle seconde case:

No spostamenti verso le seconde case ubicate in altra Regione o Provincia autonoma e, nelle giornate del 25 e 26 dicembre 2020 e del 1°gennaio 2021, anche ubicate in altro Comune.

Confermata quindi anche l’impossibilità di muoversi tra un comune all’altro nel giorno di Natale e di Santo Stefano. Nello stesso periodo sarà inoltre possibile che vengano adottate misure ancor più restrittive su tutto il territorio, indipendentemente dalle fasce di rischio caratterizzate dai diversi colori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.