San Paolo Belsito, Ylenia morta in camera da letto: corpo semi carbonizzato

E’ ancora troppo presto per sapere che cosa è successo nella casa di Ylenia Lombardo, una ragazza di 33 anni. La giovane è stata trovata morta nella sua casa di San Paolo Belsito, siamo in provincia di Napoli, dove pare vivesse da sola. Il cadavere della ragazza è stato trovato dalle forze dell’ordine semi carbonizzato. Pare infatti che nella stanza dove Ylenia è stata ritrovata, fosse partito una sorta di incendio, circostanza che avrebbe portato i vicini di casa a chiedere aiuto.

La ragazza era originaria della provincia di Avellino ma viveva da diverso tempo a San Paolo Belsito.

AGGIORNAMENTO-  Le indagini condotte dai carabinieri e coordinate dalla Procura di Nola, hanno consentito anche di individuare il presunto responsabile: un 36enne che ora è in stato di fermo.

Ylenia Lombardo morta a 33 anni: non si esclude nessuna pista

 Sappiamo davvero ancora molto poco sui fatti ma, non si può escludere al momento nessuna pista, nemmeno quella dell’omicidio. All’interno della camera da letto si era sviluppato un rogo. La donna viveva da sola. A dare l’allarme, un gruppo di ragazzi che dall’altra parte del marciapiede di questo lungo stradone che attraversa il paese del Napoletano hanno visto del fumo uscire dalle finestre dell’abitazione e hanno subito sfondato la porta e chiamato i militari dell’Arma. Indagini in corso per accertare causa e dinamica della morte da parte dei carabinieri della Compagnia di Nola, sotto il coordinamento della procura, mentre i rilievi sono stati eseguiti da quelli di Castello di Cisterna.

Secondo le prime indiscrezioni trapelate, pare che le forze dell’ordine abbiano ritrovato in casa delle tracce di sangue e questa circostanza farebbe pensare che Ylenia possa esser stata uccisa e che magari per provare a cancellare le tracce, il suo assassino abbia appiccato il rogo. Sarà come succede sempre in questi casi, l’autopsia a rivelare come è morta Ylenia, nonostante le condizioni del suo cadavere. Inoltre i periti dei vigili del fuoco cercano di capire se l’incendio sia stato appiccato o se si possa esser trattato di un incidente che ha poi provocato la tragica morte della ragazza.

Sotto lente di ingrandimento anche la vita sentimentale di Ylenia, gli ultimi contatti social e telefonici per capire se avesse un appuntamento prima di morire o se vedesse qualcuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.