Da Pomeriggio 5 nuovi dettagli sulla macchina bruciata: è collegata a Denise Pipitone?

Non sembra essere una coincidenza, o forse potrebbe esserlo. E’ presto per dirlo ma pare proprio che le forze dell’ordine non lasceranno nessuna pista non controllata. Per questo motivo si cerca di capire a chi sia appartenuta la macchina ritrovata poche ore fa, ormai bruciata, a Mazara del Vallo. Una strana coincidenza: questo ritrovamento arriva pochi giorni dopo che il contenuto della lettera anonima inviata all’avvocato Frazzitta è stato reso noto, in parte. Si è parlato di un testimone che ha riconosciuto una macchina, quella che secondo lui è stata usata per rapire Denise Pipitone e per portarla lontana dalla casa della nonna. Una macchina che il testimone ha descritto, come ha descritto anche i nomi delle persone che erano insieme a Denise Pipitone, circa 2 ore dopo la sua scomparsa.

Da Pomeriggio 5 sono arrivati nuovi dettagli in merito a questa macchina che è stata ritrovata bruciata.

Una macchina bruciata a Mazara del Vallo: usata per il sequestro di Denise?

Barbara d’Urso ha spiegato ai suoi telespettatori:

Sono due immagini che vi mostriamo e vi spieghiamo perché. Perchè c’è una possibilità, un sospetto, che quella che è bruciata da tanto tempo potrebbe essere l’auto bruciata allora. Quella nella quale fu vista dal testimone la piccola Denise Pipitone insieme a tre persone.

L’inviata di Pomeriggio 5 che da giorni segue il caso sempre sul posto, a Mazara del Vallo, ha aggiunto:

Pare che siano state fatte, siano in corso ancora delle verifiche su quest’auto che è stata trovata, tra l’altro, in una delle zone dove noi siamo stati spesso. Si trova vicino via Rieti, che è una zona molto importante in tutta la storia di Denise Pipitone. E’ un’auto senza targa, parzialmente bruciata, di colore scuro. Gli inquirenti probabilmente vogliono capire se è un’auto utilizzata, magari, per il rapimento di Denise o è l’auto indicata nella lettera anonima che è stata inviata, qualche giorno fa, proprio all’avvocato Frazzitta, in cui una persona parla proprio di un’automobile

L’inviata di Pomeriggio 5 ha cercato anche di fare chiarezza sui nomi delle persone che sarebbero state viste in macchina da questo testimone che ha scritto la lettera anonima e ha raccontato:

Per quanto riguarda i nomi fatti sulla lettera, sono persone già sentite dentro le indagini. Chi sono? Possiamo parlare di famiglia allargata. Se riguarda la famiglia di Anna Corona? Diciamo famiglia allargata ma non mi fate dare troppi dettagli che non posso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.