Giallo a Ponte Milvio: 18enne prelevato e sequestrato in un locale della movida

Questa notte un ragazzo è stato sequestrato mentre era in discoteca a Ponte Milvio a Roma
sequestro roma

Quello che è successo poche ore fa a Roma lo stabiliranno le forze dell’ordine ma stamattina, tutti i media, parlando di un vero e proprio giallo. Perchè non ci sono ancora spiegazioni certe su quanto accaduto questa notte a ponte Milvio, nella capitale. C’è al momento una prima ricostruzione che racconta di un ragazzo sequestrato in un locale del centro. In particolare, sarebbe stato un diciottenne a finire nel mirino di loschi figuri; il ragazzo, sarebbe stato sequestrato da un gruppo di individui.

Secondo quanto si legge sul Corriere della sera, le persone che hanno fatto irruzione nel locale, non sarebbero state armate. Questo gruppo di persone, sarebbe arrivato nel locale, puntando subito il 18enne. Il ragazzo sarebbe stato prelevato e portato verso una macchina. Un vero e proprio sequestro.

Ponte Milvio: ragazzo sequestrato in un locale

Un rapimento dei contorni ancora misteriosi: che potrebbe essere collegato  però agli ambienti dello spaccio di droga di San Basilio. Secondo le prime informazioni infatti, la vittima apparterrebbe a una famiglia nota alle forze dell’ordine proprio per reati legati alla droga. Ma tutte le piste sono ancora aperte.

Sul caso indaga ora la polizia avvertita a notte fonda dei responsabili del locale, che avrebbero assistito impotenti alla scena.  La Squadra mobile ha fatto scattare le ricerche del ragazzo, anche perché non si esclude che il sequestro possa essere collegato a un regolamento di conti fra bande rivali: ascoltate alcune persone che erano presenti nel locale, ma anche i familiari del diciottenne.  Del ragazzo non ci sono più tracce quindi da ore e si sta cercando, di mettere insieme i pezzi di un puzzle complicato. Saranno utili le testimonianze dei conoscenti. Non si sa se le forze dell’ordine sono o meno in possesso del cellulare del giovane che potrebbe essere utile per capire che cosa è accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.