Montblanc della costiera, la ricetta di Sal De Riso a La prova del cuoco

Ci siamo, anche oggi, 8 dicembre 2012, nelle cucine La prova del cuoco c’è il mitico Sal De Riso con una delle sue golose ricette. Il re dei pasticceri oggi ci delizia con il montbalnc della costiera. Per questa ricetta De Riso non utilizza i marron glace ma le castagne fresche che lessa e poi frulla con altri ingredienti . Ovviamente si trata d un montblanc speciale, ma anche questa volta è una delle ricette dolci La prova del cuoco da poter ripetere tranquillamente a casa. Peccato che il tempo oggi si sia stato più tiranno che mai e Sal De Riso abbia dovuto spiegare in pochissimi minuti una ricetta comunque complessa. Di seguito trovate la ricetta completa di tutti gli ingredienti. Vediamo come si fa il montblanc della costiera.

Ricette La prova del cuoco

Montblanc della costiera

Preparazione

Montiamo 250 gr di albumi con 250 gr di zucchero semolato, poi uniamo altri 250 gr di zucchero e montiamo ancora. Su una teglia foderata facciamo una grande meringa e altre piccole. Mettiamo in forno a 70° per 2 ore.

Lessiamo 600 gr di castagne con alloro, acqua e sale, scoliamo e aggiungiamo 270 gr di zucchero semolato, 60 gr di burro. Frulliamo e uniamo un po’ di liquore al finocchietto selvatico.

Facciamo lo zabaione con 6 tuorli, 130 gr di zucchero, una bacca di vaniglia, e il marsala secco in cui abbiamo fatto bollire un po’ di scorza di limone.

Facciamo raffreddare e uniamo 400 gr di panna montata.

In una ciotola mettiamo parte  lo zabaione, pezzetti di castagne candite poi ancora zabaione e congeliamo.

Mettiamo  parte dello zabaione morbido sulla meringa grande e su disponiamo la cupoletta di zabaione congelata. Completiamo con ciuffetti di panna montata e meringhette piccole, poi con la crema di castagne messa nel sac a poche creiamo sulla cupoletta degli spaghetti o ricciolini. Ancora zucchero, cacao o castagne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.