La noce moscata ci aiuta a digerire: prepariamo la ricetta del risino con noce moscata, carote e cocco

La noce moscata un tocca sana che abbiamo forse dimenticato, ci fa notare Gianluca Mech da una delle ultime puntate di Ricette all’italiana e ci ricorda come in passato, veniva usata molto più spesso. In tempi molto lontani era fondamentale per le sue proprietà visto che andava a sostituire il frigorifero, essendo un ottimo antisettico. Oggi possiamo usarla per favorire la digestione, grazie alle sue proprietà infatti, fa davvero bene per chi vuole mangiare qualcosa di sano e facilmente digeribile. Vi suggeriamo quindi la ricetta che Gianluca Mech ha proposto in una delle puntate di giugno 2020 di Ricette all’Italiana.

Mech ci ricorda che la noce moscata è anche perfetta per chi ha bisogno di far si che fegato e reni si depurino. E per finire, concilia anche il sonno: se ne mettiamo un po’ anche nel latte, possiamo addormentarci prima. Prepariamo quindi la ricetta suggerita da Gianluca Mech: risino alla noce moscata, cocco e carote.

RISINO ALLA NOCE MOSCATA COCCO E CAROTE DI GIANLUCA MECH

E’ sicuramente una ricetta molto particolare quella suggerita da Gianluca Mech ma vi consigliamo di provarla. Tagliamo a cubetti le carote e le facciamo insaporire in padella con olio, sale e un pizzico di noce moscata. Per due persone, dobbiamo usare almeno 2 carote medie. Dopo qualche minuto aggiungiamo in padella anche l’uva passa. Cuociamo il risino, Gianluca Mech ha usato un suo prodotto ma possiamo usare del semplice riso. Poi a parte facciamo tostare del cocco grattugiato in padella. Scoliamo il riso e lo uniamo alle carote e all’uvetta. Mescoliamo per bene il tutto anche con il cocco. Impiattiamo e finiamo con un goccio di olio. La ricetta è servita.

SE VOLETE PREPARARE UN PRIMO CON UNA RICETTA DI GIANLUCA MECH ECCO UNA PROPOSTA

Non ci resta che augurarvi un buon appetito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.