Detto Fatto, pasticcini di pasta di mandorle, la ricetta di Natale Giunta

Prima ricetta per Natale Giunta a Detto Fatto e oggi 26 ottobre 2020 la ricetta dei pasticcini di pasta di mandorle è già da non perdere. Lo chef siciliano che abbiamo sempre vito nelle cucine della Prova del cuoco è tra i tre chef di quest’anno di Detto Fatto. Poco lo spazio riservato alle ricette, come sempre, ma basta per capire che fare i dolcetti di mandorle è davvero semplice. In così poco tempo Natale Giunta con la sua ricetta dei dolci di mandorle riesce a dare tutti i consigli preziosi per fare non solo questi pasticcini golosi ma anche altro. Seguiamo nel dettaglio la ricetta di Natale Giunta per le ricette Detto Fatto, come si preparano i pasticcini alle mandorle. 

RICETTE DETTO FATTO – NATALE GIUNTA LA RICETTA DEI PASTICCINI ALLE MANDORLE

Ingredienti: li trovate nelle foto in basso

Preparazione: iniziamo montando gli albumi. A parte in una ciotola versiamo la farina di mandorle e lo zucchero, aggiungiamo l’albume montato e mescoliamo il tutto, otteniamo un composto omogeno facile da lavorare.

Se non abbiamo la farina di mandorle Natale Giunta suggerisce che possiamo farla in casa utilizzando il 10% delle mandorle intere, il resto con la pelle, così avremo un gusto un po’ amaro perfetto per i dolcetti. Ovviamente frulliamo tutto nel mixer ma senza esagerare perché altrimenti le mandorle tirano fuori l’olio.

Con l’impasto di farina di mandorle, albume e zucchero abbiamo la base per fare tanti dolcetti, anche il marzapane, anche i dolcetti di frutta martorana.

Disponiamo sulla teglia imburrata un foglio di carta forno e creiamo i pasticcini di pasta di mandorle. Basta fare delle palline che schiacciamo leggermente. Passiamo nello zucchero a velo e aggiungiamo sopra una ciliegia, una mandorla o altro. 
Disponiamo i dolcetti sulla teglia foderata con la carta forno (teniamo ferma la carta forno imburrando la teglia). Mettiamo in forno a 180 gradi per qualche minuto. Possiamo creare tanti dolcetti aggiungendo cioccolato, pistacchio e così via. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.