Ricette Luisanna Messeri: zuccotto di pasta e melanzane

La ricetta dello zuccotto di pasta con le melanzane è il primo piatto di oggi 15 aprile 2016 di Luisanna Messeri per La prova del cuoco del venerdì. Non c’è Antonella Clerici ma in compenso non manca davvero nulla e non solo per la bravura di Lorenzo Branchetti. Luisanna Messeri così come tutti gli altri protagonisti de La prova del cuoco portano a termine senza problemi i loro spazi. E la ricetta dello zuccotto di pasta con le melanzane sembra davvero ottima, ecco come la simpatica maestra in cucina toscana serve la sua pasta, lo zuccotto di pasta e melanzane con pomodoro, mozzarella e altri ingredienti.

Altre ricette La prova del cuoco, clicca qui

Zuccotto di pasta con le melanzane

Ingredienti: li trovate nella foto in basso

Preparazione: tritiamo al coltello le mandorle non pelate. Laviamo le melanzane e peliamo con il pela patate tutta la buccia. La polpa delle melanzane invece la tagliamo a dadini e mettiamo nella ciotola con il sale grosso. Strizziamo poi le melanzane e asciughiamo bene. In padella scaldiamo un filo di olio con due spicchi di aglio vestiti e aggiungiamo i pomodori, saliamo e facciamo cuocere. Nella teglia disponiamo le melanzane e condiamo con olio, origano e basilico, mettiamo in forno ad asciugare, a 160° C per 20 minuti. Foderiamo la ciotola d’acciaio con le bucce di melanzane alternando la fetta chiara e la fetta scura. Cuociamo la pasta molto al dente, scoliamo e condiamo con un filo di olio. In una ciotola facciamo una cremina con la ricotta, le uova, il formaggio grattugiato, amalgamiamo bene, uniamo poi le mandorle spezzettate e il basilico fresco a pezzetti. Condiamo la pasta con la cremina e aggiungiamo un po’ di acqua di cottura, amalgamiamo bene. Tagliamo la mozzarella a pezzi. Sulle bucce di melanzane versiamo un primo strato di pasta, pomodoro, le melanzane a dadini, la mozzarella, proseguiamo con un altro strato di pasta e così via. Mettiamo in forno a 180° C per 40 minuti circa. Facciamo intiepidire e capovolgiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.