Baccalà bella Napoli, la ricetta degli Improta per E’ sempre mezzogiorno

La ricetta del baccalà bella Napoli di Mattia e Mauro Improta per E’ sempre mezzogiorno è il secondo piatto di oggi 4 novembre 2020. Un piatto di baccalà davvero goloso con lea ricetta degli Improta. Ma in cucina con Antonella Clerici e Maurino c’è anche sempre da sorridere. In una sola ricetta ci sono tanti consigli per preparare altri piatti; possiamo infatti condire un’altra pasta con il croccante fatto con pane grattugiato, capperi e olive e avere così il primo e il secondo piatto. Non perdete questa e le altre ricette E’ sempre mezzogiorno di oggi, ecco come si fa il baccalà fritto con i pomodorini e non solo. 

RICETTE MAURO IMPROTA – LA RICETTA DEL BACCALA BELLA NAPOLI E’ SEMPRE MEZZOGIORNO

Ingredienti baccalà bella Napoli: li trovate tra le foto in basso

Preparazione: abbiamo il filetto di baccalà, che sarebbe il merluzzo messo sotto sale e fatto essiccare. Ovviamente dobbiamo eliminare il sale e lasciare in acqua il baccalà altrimenti non sarebbe mangiabile. Tagliato a pezzi lo passiamo nella farina e friggiamo in olio profondo e ben caldo. Facciamo cuocere e dorare, scoliamo su carta da cucina.

Facciamo sudare l’aglio nell’olio e aggiungiamo poi i pomodori tagliati a metà, facciamo andare pochi minuti. Togliamo l’aglio e frulliamo i pomodori e poi filtriamo il sughetto e al liquido ottenuto aggiungiamo un po’ di olio di oliva fresco.

Tostiamo il pane grattugiato in padella. Dissaliamo i capperi e aggiungiamo in padella con il pane grattugiato, uniamo anche le olive a pezzetti, i pinoli, un po’ di olio di oliva, facciamo andare il tutto. Dobbiamo ottenere un composto croccate. Possiamo anche utilizzare del pane in cassetta sbriciolato se non abbiamo il pane grattugiato.

Tagliamo i pomodori a metà e disponiamo nella teglia foderata con la carta forno, condiamo con olio, zucchero, timo, zeste di limone. Mettiamo in forno per 90 gradi per 1 ora. 

Serviamo il baccalà fritto con sopra il croccante, aggiungiamo il sughetto di pomodoro, i pomodorini al forno e un po’ di timo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.