Sergio Barzetti fa lo sformato di coste gratinate, la ricetta La prova del cuoco 17 gennaio 2020

Sempre gran ricette a La prova del cuoco con Sergio Barzetti che ha proposto la ricetta dello sformato di coste gratinate. Le coste delle biete diventano il nostro sformato mentre la parte verde la frulliamo per ottenere il pesto utile in questa ricetta. Non perdiamo come sempre le ricette di Sergio Barzetti suggerita a La prova del cuoco. In pochi preparano le coste, cucinano le biete ma fanno benissimo. In particolare questa ricetta di Sergio Barzetti dello sformato di biete per La prova del cuoco è da provare. Non solo biete ma anche tanto formaggio e prosciutto, il sapore della salvia e poi il burro completano tutto. Ecco la ricetta da La prova del cuoco di oggi 17 gennaio 2020.

LA RICETTA DELLO SFORMATO DI COSTE GRATINATE DI SERGIO BARZETTI PER LE RICETTE LA PROVA DEL CUOCO

Ingredienti: 3 cespi grandi di coste, 250 g prosciutto cotto, 150 g formaggio grattugiato, 400 g formaggio a pasta semimolle, 50 g grissini, 100 g burro, 1 fettina di limone, salvia alloro

Preparazione: alle biete togliamo i gambi e lessiamo questi ultimi in acqua bollente in cui abbiamo aggiunto qualche goccia di succo di limone, cuociamo per 8 minuti e poi scoliamo e lasciamo da parte. Abbiamo le coste lessate.

La parte verde delle biete invece la tagliamo a listarelle e scottiamo nella stessa acqua dei gambi, pochi secondi, scoliamo e versiamo nel bicchiere alto del mixer, uniamo poca acqua di cottura e il formaggio grattugiato, frulliamo il tutto e abbiamo un pesto fine.

Sciogliamo il curro a fiamma bassa con le foglie di salvia, non facciamo soffriggere. Spennelliamo la pirofila con il burro alla salvia, disponiamo le coste vicinissime l’una all’altra, copriamo con il formaggio semi molle tritato, il prosciutto cotto a fette, il pesto delle coste, grissini sbriciolati e un po’ di burro alla salvia. Proseguiamo con gli strati e completiamo con i grissini sbriciolati e tanto formaggio. Mettiamo in forno a 190 gradi per 30 minuti circa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.