Lingue di suocera, la ricetta di Fulvio Marino