Giusina in cucina con la ricetta delle sarde a beccafico, un grande classico

Tra le nuove ricette di Giusina in cucina la ricetta delle sarde a beccafico, è il secondo piatto palermitano che non potete non gustare se andate in vacanza a Palermo. Con le ricette di Real Time e Food Network la bravissima Giusina ci mostra come preparare le sarde a beccafico. E’ la ricetta delle ricette, un piatto davvero tipico della cultura gastronomica siciliana. Seguiamo nel dettaglio gli ingredienti e i passaggi della ricetta di Giusina in cucina e scopriremo che la ricetta per fare le sarde a beccafico è davvero semplice. Scopriamo come si preparano le golose sarde a beccafico, lasciate la codina alle sarde, è fondamentale. 

RICETTE DI GIUSINA UN CUCINA – LA RICETTA DELLE SARDE A BECCAFICO

Ingredienti: 250 g di sarde, 10 g di alici sott’olio, 30 g di uva passa e pinoli, 50 g di pane grattugiato, prezzemolo, cipolla, alloro, succo di 2 arance e 1 limone

Preparazione: abbiamo le sarde già pulite, senza lisca ma con la codina, ci servirà per arrotolare. Iniziamo dal soffritto e nella padella versiamo abbondante olio, aggiungiamo la cipolla tritata e facciamo rosolare, uniamo le alici sott’olio o le acciughe, ne aggiungiamo una decina. Aggiungiamo poi anche l’uva passa, i pinoli, mescoliamo e possiamo aggiungere il pane grattugiato, magari anche pane duro che abbiamo in casa tritato in modo grossolano. Nella ricetta tradizionale si aggiunge lo zucchero ma Giusina aggiunge il succo di limone e il succo d’arancia. Facciamo andare aggiungendo un pizzichino di sale. Completiamo con il prezzemolo tritato a fine cottura, mescoliamo. 

Farciamo le sarde al centro con il ripieno, arrotoliamo e abbiamo degli involtini che disponiamo nella teglia foderata con la carta forno. Ma tra una sarda e l’altra ricordiamo di mettere un pezzetto di cipolla e una foglia di alloro. 

Tostiamo altro pane grattugiato con un filo di olio in padella e aggiungiamo sulle sarde. Aggiungiamo anche altro succo d’arancia e succo di limone, mettiamo in forno 20 minuti circa a 180 gradi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.