Filetti di baccalà, la ricetta e la frittura di Simone Buzzi

è sempre mezzogiorno baccalà

La ricetta dei filetti di baccalà da E’ sempre mezzogiorno, la ricetta di oggi di Simone Buzzi. Puntata del 12 novembre 2021 e la ricetta del baccalà in pastella e fritto non è l’unica di oggi di Buzzi. Simone ci suggerisce di aggiungere anche la salsa all’arrabbiata. Ovviamente tutto è sempre molto goloso con lui. La pastella fatta con birra e acqua fredda, con lieviti fresco di birra e lasciata riposare. La frittura con il segreto per rendere il baccalà croccante e in più serviamo i filetti con la salsa all’arrabbiata. Ecco la ricetta completa di Simone Buzzi da E’ sempre mezzogiorno.

Ricette E’ sempre mezzogiorno Simone Buzzi – filetti fritti di baccalà

Ingredienti: 1 baffa di baccalà dissalato da 600 g, 400 g di farina, acqua gassata fredda, birra, 5 g di lievito di birra, olio di semi per friggere
per la salsa all’arrabbiata: 200 g di pomodori a pezzi, 1 peperoncino fresco, 1 spicchio d’aglio, 1 ciuffo di prezzemolo, sale e pepe, olio evo

Preparazione: abbiamo il baccalà già dissalato quindi rimasto in ammollo in acqua, cambiando l’acqua più volte. Facciamo ben asciugare, lo tagliamo a fette.

Prepariamo la pastella e nella ciotola versiamo la birra fredda, l’acqua gassata sempre fredda, il lievito di birra fresco, facciamo sciogliere e poi aggiungiamo un po’ alla volta la farina, mescoliamo con la frusta a mano. Facciamo riposare 2 ore coperto e a temperatura ambiente.

Passiamo le fette di baccalà nella pastella e friggiamo subito in olio profondo e ben caldo. Facciamo ben cuocere, ben dorare. A questo punto scoliamo il baccalà e lo rimettiamo di nuovo nell’olio bollente, pochi secondi basteranno per renderlo più croccante. Scoliamo su carta da cucina.

Prepariamo la salsa all’arrabbiata con un po’ di olio, aglio, peperoncino, facciamo andare e aggiungiamo il pomodoro a pezzi, facciamo cuocere, sale, pepe ed è pronto.

Serviamo i filetti di baccalà avvolti in parte nella carta alluminio e con una ciotolina di salsa all’arrabbiata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.