Furti alimentari folli: Nutella la più desiderata

La crisi economica si fa sentire per tutti, tuttavia non sono gli alimenti essenziali quelli che vanno letteralmente a ruba ma alimenti secondari. Tra i furti alimentari più folli, la Nutella risulta essere la più desiderata. Basti pensare che un autotrasportatore è stato sequestrato insieme al suo camion che trasportava Nutella. Tre golosi banditi lo hanno immobilizzato mentre stava riposando nell’area di sosta Tevere, nei pressi di Attigliano (Terni). Sul camion c’erano barattoli di Nutella per un valore di 200mila euro. I tre rapinatori si sono dati alla fuga a piedi, nei campi, dopo la segnalazione di un collega dell’uomo. Stessa cosa accaduta a un camionista tedesco che si è visto svaligiare ben 5 tonnellate di Nutella per un valore complessivo di circa 15mila euro. A Francoforte (Germania) è stato rubato lo stesso quantitativo di confezioni contenenti caffè per un valore di 30mila euro. Si conferma patria dei furti alimentari più folli la Germania: oltre la Nutella e il caffè sono stati rubati Energy drink per un valore di 35mila euro. In Canada è lo sciroppo d’acero ad aver successo tra i ladri fantasiosi: nel deposito di St. Louis de Blandford, a nord est di Montréal sono state rubate diverse tonnellate di sciroppo d’acero. Il danno causato ai produttori è di milioni di dollari. Ovviamente, anche l’Italia fa parte di questa speciale classifica. A Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso, alcuni banditi hanno svuotato le celle frigorifere della Valsana, azienda distributrice di formaggi, salumi e altre specialità alimentari. Il valore degli alimenti sottratti raggiungeva i 100mila euro. A Gragnano, (Napoli) sono stati rubati capponi e polli vari per un valore di 2mila euro. Il furto è avvenuto durante le scorse festività natalizie. Anche burro e tortellini risultano essere tra i cibi più ambiti, ma tra i furti alimentari più folli è sicuramente la Nutella quella che comporta maggiori benefici economici. Essa risulta essere non solo la più desiderata, ma anche quella che ha maggior valore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.