Il Gatto che spaccia marijuana in Moldavia

Inedita veste quella di un felino che, oltre a far le fusa e miagolare, passava le proprie giornate occupandosi del trasporto di droga all’interno di un carcere sito nei pressi di un piccolo villaggio in Moldavia. A darne notizia, è LaPresse – nota agenzia di stampa francese, che si occupa di fornire notizie, video e foto in tempo reale e riguardanti fatti di livello nazionale ed internazionale – che riporta la strana storia del gatto catturato dalle guardie di una prigione situata, per la precisione, a Pruncul in Moldavia.

Il felino in questione pare, infatti, sia stato catturato perché colpevole di trasportare marijuana all’interno del carcere, dove era destinata ad alcuni detenuti. Il gatto è stato sorpreso nella sua attività illecita, quando i secondini della prigione hanno iniziato ad insospettirsi alla visione dello strano collare del micio – mostrato anche tramite un video realizzato e divulgato dal ministero della Giustizia moldavo – che si recava spesso e regolarmente nel perimetro della struttura, passando attraverso un buco apposito della recinzione.

Le guardie hanno, così, rinvenuto due pacchettini di marijuana appositamente attaccati al collare del gatto, che era stato assoldato da qualcuno all’esterno per compiere il tragitto e rilasciare, senza destare sospetti, la merce ad alcuni dei detenuti della prigione.
Al momento, si sa soltanto che il dipartimento delle istituzioni carcerarie in Moldavia e le autorità locali sospettano che fosse qualcuno del villaggio di Pruncul – cittadina nei pressi del carcere – ad usare il micio come corriere per rifornire i detenuti della struttura moldava, prima che fosse perquisito e scoperto.

L’accaduto non è nuovo nel campo della detenzione: lo scorso giugno, infatti, si è registrato un episodio simile nelle prigioni nel Nord della Russia, dove le guardie carcerarie di una colonia penale sono riuscite a sorprendere e catturare un gatto che trasportava con sé caricabatterie e numerosi telefoni cellulari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.