Le Iene, Lucci mostra i nuovi maschi (VIDEO)

Ieri sera a Le Iene è andato in onda un servizio di Enrico Lucci, in cui con la solita ironia, ha mostrato i nuovi maschi. Chi sono? Potete vederli nel video. Naturalmente gli uomini che vanno dall’estetista, che fanno la ceretta puntualmente, sfoltiscono le sopracciglia e lucidano le unghie. Inoltre tagliano i peli delle orecchie. A farlo non sono solo i giovani, ma anche i più anziani.

Le sopracciglia ad ali di gabbiano sono le più gettonate, ed Enrico Lucci le mostra nel video del servizio de Le Iene. Questi uomini vanno dall’estetista anche più volte a settimana. Ceretta ovunque, ci si sente più puliti, belli. E questi uomini del video dicono che le donne non amano i peli, sulla pancia, dietro la schiena. Ma è davvero così? Enrico Lucci ironizza su questa tendenza dei nuovi maschi che si depilano e sono così attenti alla loro immagine, più di una donna. A Le Iene vengono intervistati alcuni di questi nuovi maschi, che a quanto pare non vogliono avere alcun pelo. E’ inammissibile avere la barba.

Insomma, essere al “top” e super curati è la parola d’ordine di questi uomini, che così riescono a sentirsi meglio con se stessi, possono togliersi la maglietta senza vergognarsi. Naturalmente Enrico Lucci, come di consueto, rimane perplesso di fronte a questi nuovi maschi ossessionati dall’aspetto fisico in maniera tanto meticolosa.

Le donne davvero vogliono un uomo così? In realtà spesso preferiscono il “maschio” allo stato brado, con barba, peli sulle gambe e sull’addome. Essere troppo curati non sempre è un aspetto positivo per le ragazze. Eppure questi nuovi maschi, mostrati nel video del servizio de Le Iene, sostengono il contrario.

E voi cosa ne pensate dei nuovi maschi che si sottopongono a trattamenti estetici come ceretta, sopracciglia, e via dicendo?

Per vedere il video del servizio di Enrico Lucci a Le Iene clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.