Il principe Harry si racconta: tra alcol e droghe per “dimenticare” la morte di mamma Diana

Si parlerà ancora una volta tanto delle dichiarazioni che il principe Harry ha rilasciato in una nuova intervista per Oprha. Questa volta il figlio di Carlo e Diana fa anche un viaggio nel passato per provare a raccontare come ha vissuto i drammatici anni che sono seguiti alla morte di Lady Diana. Non è stato affatto facile e non può nascondere di aver sofferto moltissimo in particolare in una fase della sua vita. Tra i 28 e i 32 anni, il dolore per la morte di Diana era così forte da poter essere governato solo con una nuova dipendenza. Ed ecco quindi l’uso di droghe e alcol. Una rivelazione che Harry ha fatto nel nuovo documentario ’The Me You Can’t See’, in onda da oggi su Apple TV. Un periodo da incubo dal quale Harry è poi uscito, ha voltato pagina ma quegli anni drammatici di certo non si possono cancellare.

La rivelazione di Harry: alcol e droghe per dimenticare il dolore

William ed Harry non hanno mai nascosto il dramma vissuto dopo la morte di Lady Diana. E forse i due fratelli hanno trovato strade diverse per vivere il loro dolore. Oggi Harry racconta che il solo modo per andare avanti, per provare a non pensarci, per provare a dimenticare anche solo per qualche istante era quello di bere. E spiega:  “bevevo tanto alcol quanto se ne beve in una settimana. Non perché mi divertissi ma perché cercavo di nascondere il dolore”.

Queste sono solo alcune delle anticipazioni che arrivano prima della messa in onda del documentario durante il quale probabilmente Harry racconterà molto altro della sua vita. Il marito di Meghan Markle ha anche aggiunto: “Prendevo droghe per sentire meno”.

E’ stata Meghan ad aiutarlo, suggerendogli di iniziare a fare un percorso di analisi. E oggi Harry è felice di averlo fatto perchè parlare con una persona esperta, con un professionista, di quello che stava succedendo nella sua vita, probabilmente lo ha salvato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.