Antonella Clerici citata in tribunale per una dieta ma è tutto falso

E’ tutto falso, la notizia che riguarda Antonella Clerici citata in tribunale per chissà quale dieta, per avere svelato chissà quale segreto per dimagrire, è una fake news. Già ieri la conduttrice aveva postato la falsa notizia tra le sue storie Instagram, oggi ha voluto richiamare ancora una volta l’attenzione, perché ovviamente non tutto quello che si legge sul web corrisponde alla verità. E’ capitato a più persone di leggere di diete miracolose e segreti per perdere peso che hanno come testimoni vip, tra questi anche Antonella Clerici. Tutto ovviamente falso, basterebbe un po’ di buon senso per comprenderlo. Intanto, c’è chi continua ad avere problemi proprio perché tirato in ballo.

ANTONELLA CLERICI: “FATE ATTENZIONE A CIO’ CHE LEGGETE SUL WEB”

Antonella Clerici è sempre stata molto attenta, come tanti altri personaggi famosi e colleghi, a non dire troppo su perdite di peso, su consigli, sul come fare, sul come dimagrire, cosa mangiare e così via. Ogni tanto confessa che dovrebbe mettersi a dieta, ogni tanto rivela che è seguita dalla dottoressa Evelina Flachi, spesso racconta che l’aiuta il tapis roulant. Niente di strano, nessun segreto svelato, nessuna dieta raccomandata.

Sul web appare però la notizia che “Antonella Clerici è stata citata in tribunale per avere divulgato il segreto della sua perdita di peso”. La conduttrice ha commentato: “Questa e’ una FAKE NEWS . Non ho mai rilasciato interviste ne’ conosco o pubblicizzo prodotti dimagranti. Fate attenzione a ciò’ che leggete sul web”.

Le fanno eco Mara Venier e Laura Pausini, stessa storia per entrambe. La cantante ha aggiunto: “Io sono in ballo da 2 anni con questa storia e non finisce più”. “Davvero non se ne viene a capo” è la risposta di Antonella Clerici. Luisanna Messeri ha reagito con una bella risata: “Che ridere, sono matti!”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.