Sara Tommasi fuori dall’ospedale confessa tutto

E’ finito il silenzio di Sara Tommasi dopo la chiusura della sua pagina Facebook e il ricovero forzato. L’ex naufraga è uscita dall’ospedale di Roma dove i medici hanno provato ad aiutarla ma adesso la strada per il recupero è tutta in salita. Sara Tommasi ammette le sue debolezze e se chi l’ha già incontrata racconta di averla trovata in gran forma, le sue confessioni continuano a lasciare di stucco. La Tommasi vuole davvero tornare la ragazza di un tempo? Entrare in comunità è il suo progetto futuro ma intanto ha un commento per tutti.

In un’intervista Sara Tommasi ammette che ha ancora bisogno di aiuto, il ricovero forzato in parte le è servito: “Finalmente sto benissimo. Ho sospeso l’uso dei farmaci che i medici mi hanno somministrato… Ho deciso come progetto futuro di andare in una comunità di tossicodipendent”. Fin qui tutto farebbe pensare alla giusta strada del recupero poi si dichiara orgogliosa dei suoi film e aggiunge di avere una dipendenza ben diversa dalla droga, quella che era facilmente intuibile sulla sua pagina Facebook, dalle sue foto, dai suoi commenti. Si definisce maniaca, vogliosa e vorrebbe qualcuno che la rendesse meno maliziosa, vorrebbe contenersi. Poi aggiunge di essere come il presidente Berlusconi: “frequentandolo mi sono beccata questa malattia”.

Ha parole anche per sua madre ma non per ringraziarla, non l’ha ancora perdonata per il ricovero a cui l’ha costretta. Sicura che voglia guarire?

Difende Giuseppe e Davide Matera e Federico de Vincenzo dall’accusa di averla violentata mentre era sotto l’effetto di stupefacenti e costretta a girare Confessioni Private: “La denuncia è partita dalla mia stessa mama, che io amo con tutta me stessa perché mi ha partorita, ma ha devastato la mia fiducia perché non si doveva permettere. Rimpiango il momento in cui ero con Giuseppe e Davide Matera e Federico de Vincenzo… spero che escano il prima possibile perché sono dei gran signori”.

Adesso tocca a lei ritornare la splendida Sara, magari bella proprio come in queste foto di qualche anno fa.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.