Linea Gialla anticipazioni seconda puntata 24 settembre 2013: i temi

Torna oggi 24 settembre 2013 Linea Gialla con la seconda puntata e tornano puntuali le nostre anticipazioni: quali saranno i temi trattati oggi? Grazie al lato social di Salvo Sottile che ama condividere con i suoi fans la preparazione delle puntate, possiamo svelarvi i servizi che andranno in onda questa sera. Restiamo in attesa di vedere se per questa seconda puntata il numero dei telespettatori crescerà ma la missione è davvero ardua: su Italia 1 ci sarà il debutto de Le Iene, su Canale 5 la prima puntata de La cortigiana che pare abbia incassato record su record nel resto d’Europa…Chissà cosa succederà! Ma torniamo a noi: ecco le anticipazioni per la puntata di oggi di Linea Gialla.

Linea Gialla anticipazioni: i temi del 24 settembre 2013

Scriveva qualche ora fa su Facebook Salvo Sottile: “Ultima riunione di domani per la puntata di domani di Lineagialla. Vi aspettiamo martedì sera alle 21,10 con le nostre inchieste sui veleni tossici che hanno causato la morte di ignari ricercatori a Catania e di decine di bambine nella terra dei fuochi. E poi novità su Yara, Parolisi e Roberta Ragusa”.

I temi della serata saranno quindi quelli della cronaca: Linea Gialla ha preso a cuore il caso dei giovani ricercatori di Catania. Se n’è infatti già parlato nella prima puntata della passata settimana: quindici persone morte tutte di tumore, non può trattarsi solo di una coincidenza. Cosa è successo davvero? Continuano poi i casi di femminicidio, anche di questo si parlerà nella puntata di oggi. E poi Roberta: che fine ha fatto la donna scomparsa da Gello ormai da oltre un anno? Tra pochi mesi il caso potrebbe essere archiviato senza risposte.

Si tornerà anche sul caso dell’omicidio della piccola Yara Gambirasio. Chi è il suo assassino?

Seguici anche su Instagram

One response to “Linea Gialla anticipazioni seconda puntata 24 settembre 2013: i temi

  1. E ‘ davvero colpa solo della camorra? Tutti coloro che a qualsiasi titolo hanno tratto o traggono guadagno dal traffico illecito dei rifiuti DOVREBBERO essere processati per crimini contro l’umanità. Come pure chi avrebbe dovuto intervenire, controllare, denunciare a qualsiasi titolo ed in particolare i rappresentanti delle Istituzioni che ancora oggi FANNO FINTA DI NON SAPERE…. TUTTI CRIMINALI………….. IMPUNITI. Il Parlamento dovrebbe fare una legge affinchè vadano in galera tutti e siano sequestrati tutti i beni a partire dai proprietari delle aziende che smaltiscono rifiuti abusivamente ai proprietari dei terreni,agli autisti dei camion e a tutti coloro delle Istituzioni e della Politica c he hanno sempre fatto finta di non sapere TUTTI CRIMINALI . Mio figlio 9 anni grazie a questi criminali è volato i cielo l’anno scorso a chi devo chiedere Giustiizia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.