Gli schifosi insulti dei tifosi italiani contro Alice Campello: la moglie di Morata sbotta

E’ mai possibile che una partita di calcio possa scatenare tanto odio? E’ mai possibile che si possa riversare la propria frustrazione contro una donna, una madre, una persona? No, non lo è. E se Alice Campello denuncerà uno per uno tutti i tifosi, se così si possono definire, italiani, che da ieri sera la invadono di messaggi privati, riempiendola di insulti e minacce, farà certamente una cosa più che buona. La moglie di Morata, dopo Italia-Spagna, si è vista ricoprire di insulti sui social, in particolare dopo il gol del pareggio segnato proprio dallo juventino. La moglie di Morata ha postato sui social solo alcuni dei messaggi che ha ricevuto ( ma basta leggere sotto ogni foto su instagram quello che le si sta dicendo da ore). Sono insulti, minacce, si augurano persino malattie. Uno schifo.

Ai tuoi figli je pija un infarto e muoiono”, “Tuo marito ha il cancro, i tuoi figli pure”, “Vacca di donna, mi vergogno di essere veneta, invece di far vedere i tuoi soldi, aiuta le persone”, “Non ti azzardare a postare foto del gol di Morata se no vengo sotto casa e te la brucio in diretta Instagram”. 

Questi sono solo alcuni dei messaggi che la moglie di Morata ha ricevuto nel corso del match valido per la semifinale di Euro 2020.

La risposta di Alice Campello agli insulti ricevuti dopo Italia-Spagna

“Sinceramente non sto soffrendo per nessuno di questi messaggi, davvero. Non penso nemmeno che sia un fattore di ‘italiani’ ma di ignoranza”, ha scritto lady Morata. “Penso però che se fosse successo ad una ragazza più fragile sarebbe stato un problema. Ricordiamoci che è uno sport per unire non per sfogare le vostre frustrazioni. Spero davvero in un futuro si possano prendere provvedimenti seri per questo tipo di persone perché è vergognoso e inaccettabile”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.