Aurora Ramazzotti sta meglio: “E’ devastante questa influenza”

Come sta Aurora Ramazzotti lo spiega lei nel suo primo giorno dopo l'influenza
aurora ramazzotti influenza

Semi risorta, Aurora Ramazzotti spiega così il suo primo giorno dopo l’influenza. Una settimana difficile per lei che è incinta e non può nemmeno prendere farmaci. Ha preso solo quelle che ha potuto ma non le medicine che di certo l’avrebbero fatta stare meglio e guarire in un tempo minore. Aurora Ramazzotti adesso sta bene ma ha ancora un po’ di tosse. Confida: “questa influenza è devastante, ti ammazza”. Sa che ci sono tante persone che stanno male in questo momento ed è a loro che si rivolge, comprende bene come si sentano e ha voglia di dire che è con loro. Niente di così grave, si tratta di una influenza ma che davvero ha bloccato Aurora Ramazzotti e molti come lei a letto per giorni.

Aurora Ramazzotti: “Sto molto meglio”

E’ stata ferma una settimana spostandosi tra il letto e il divano, questa mattina è uscita nonostante il freddo perché aveva bisogno di muoversi un po’, di andare in palestra. Poco dopo pubblica la foto dalla palestra e sembra stare ancora meglio tra gli attrezzi.

“Volevo dire a tutti quelli che stanno male in questo momento che sono con voi con il cuore… E’ una strage questa influenza in questo periodo” sono davvero in tanti bloccati a letto con raffreddare, tosse e febbre.  

“Io non posso prendere farmaci, sono ancora qui con un po’ di tosse ma sto molto meglio ma un compleanno così non l’avevo mai fatto” confessa la figlia di Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker. La settimana scorsa ha compiuto 26 anni, un compleanno a letto con l’influenza ma anche un compleanno col pancione, in ogni caso il 2022 non lo dimenticherà mai. Sempre con lei Goffredo Cerza ma anche mamma Michelle e le sorelline Sole e Celeste. Infatti, tutti insieme sono stati nella clinica in Svizzera dove Aurora Ramazzotti tra pochi mesi darà alla luce suo figlio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.