La mafia uccide d’estate sbarca su Rai1: Pif torna a narrare la sua Sicilia

Dopo il grande successo del film di Pif, La mafia uccide solo d’estate, arriva su Rai1 la serie tratta da questo lavoro che racconta la storia di una famiglia “normale” che vive nella Palermo degli anni ’70. Pif ha scelto di non comparire mai nella serie ma ascolteremo la sua voce, sarà lui infatti il narratore di tutta la serie. Tra sorrisi amari e riflessioni, ci caleremo ancora una volta nella realtà della Sicilia legata alla mafia, la Sicilia che nega l’evidenza, anche di fronte a fatti che non si possono negare. Ma non solo, se da un lato infatti Pif vuole sottolineare anche l’omertà di tanta gente, dall’altro mette in primo piano l’amore per questa terra di uomini coraggiosi che hanno perso la vita nel tentativo di dire no alla mafia. Un dissacramento della figura del boss mentre c’è una maggiore importanza per eroi che hanno fatto grande questa terra. 

Saranno sei le puntate de La mafia uccide solo d’estate che debutterà il 21 novembre 2016 in prima serata. Il lunedì di Rai1 ha sempre portato fortuna alla serie tv e alle fiction, vedremo se anche La mafia uccide solo d’estate avrà la stessa fortuna. Gli ingredienti per fare un buon lavoro ci sono davvero tutti. Un cast d’eccezione per questa serie che vedrà tra i protagonisti anche Claudio Gioè e Anna Foglietta. 

Una coproduzione Rai Fiction – Wildside, prodotta da Mario Gianani e Lorenzo Mieli, per la regia di Luca Ribuoli. Sei prime serate con Claudio Gioè, Anna Foglietta, Francesco Scianna, Valentina D’Agostino e la voce narrante di Pif, in onda in prima visione su Rai1 da lunedì 21 novembre.

Le parole di Luca Ribuoli, il regista: “Avevo visto “La mafia uccide solo d’estate” di Pif e mi era piaciuto. Quando ho saputo che stavano sviluppando una seria tv tratta dal film, ho pensato subito che mi sarebbe piaciuto dirigerla. È stato allora che ho iniziato a interessarmi al tema della serie. E, tra i tanti libri disponibili, tra quelli che potevano fornirmi un quadro ampio della Sicilia e dei siciliani, ho scelto La Sicilia come metafora, un libro intervista di Marcelle Padovani a Leonardo Sciascia.”

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.