Sanremo 2019, Teresa de Santis, direttore di Rai 1: nessun litigio o screzio con Claudio Baglioni

Tutto pronto ormai per la 69esima edizione del Festival di Sanremo. Come di consueto, il giorno prima del Festival, la conferenza stampa con i protagonisti della kermesse canora. Tra i primi a parlare, dopo i saluti del sindaco di Sanremo, il direttore di Rai 1 Teresa de Santis, alla sua prima volta al Festival in questo ruolo. Nelle ultime settimane, dopo la prima conferenza stampa dedicata a Sanremo, si era detto e scritto che il direttore di Rai 1 non avesse gradito alcune frasi di Baglioni ( in particolare la sua risposta sulla situazione migranti nel nostro paese). Oggi Teresa de Santis, vuole togliere ogni dubbio in merito e inizia quindi il suo intervento chiarendo questo aspetto: nessun litigio con Claudio Baglioni. 

PROBLEMI TRA TERESA DE SANTIS E CLAUDIO BAGLIONI? IL DIRETTORE DI RAI 1 SMENTISCE OGNI VOCE

La de Santis quindi ha subito voluto chiarire sia questo aspetto che quello legato al conflitto di interessi che, ha ribadito, non esiste.  

Le parole di Teresa de Santis in merito alla questione: “Ora ho l’onore di guidare Rai 1 ed ora lavoro all’evento più grande. Si è parlato di screzi tra me e Baglioni, smentisco non ce ne sono stati. Tra noi c’è amicizia“.

Prima il direttore di Rai 1 aveva voluto sottolineare un altro aspetto: “Bentrovati, ho fatto tantissimi festival ma questo è il primo per me da direttore di Rai1. Mi ritrovo a dover gestire già ora la cosa più importante che è l’asset della stessa Rai. Tengo a sottolineare che abbiamo superato di diversi milioni la raccolta pubblicitaria dello scorso anno”.

E a proposito delle ultime polemiche sul Festival “sovranista”, ecco il commento: “Quando parliamo di ospiti internazionali dobbiamo parlare anche dei nostri artisti sono a livello internazionale. Si è parlato di festival autarchico e sovranista, non è così. Sicuramente questo è un festival che ha un’identità, siamo sicuri che il Festival attraverso i suoi testi rilanci un messaggio di italianità”. 

La de Santis quindi sottolinea che la presenza di artisti italiani sia importante perchè sono artisti si italiani, ma famosi in tutto il mondo al calibro di quelli internazionali. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.