Morgan fa una morganata con la sua parodia sulla violenza alle donne a Vieni da me (Foto)


Altro momento imbarazzante oggi a Vieni da me per Caterina Balivo grazie alla parodia di Morgan, una parodia per niente da ridere nonostante l’intenzione del cantante di fare ironia e di dire la sua su un certo genere di testi (foto). Chiaro il riferimento a Junior Cally già dalla mascherina sul volto che  era a metà tra il proteggersi dal famoso virus e volere imitare il rapper. Avrebbe potuto utilizzare altri modi perché invece che sensibilizzare è risultato più egocentrico che attento al tema contro la violenza sulle donne. L’artista è tra i 24 big che partecipano a Sanremo 2020, in coppia con Bugo porta sul palco il brano “Sincero”. Ai microfoni di Vieni da me, in collegamento dal Teatro Ariston con Francesco Facchinetti, si è presentato con parte del viso coperto, proprio come il rapper ieri sul red carpet. I commenti choc dovevano essere una parodia ma sono apparsi una “morganata”.

MORGAN CONTRO JUNIOR CALLY MA VIENI DA ME NON E’ IL PROGRAMMA ADATTO

“Le donne le violenterei tutte, sono un rapper, io voglio violentare le persone” e ha poi aggiunto di volere fare violenza verbale. Si è rivolto a Facchinetti: “Sei brutto, ti strappo la faccia”. La Balivo sempre più in difficoltà l’ha bloccato a distanza. Chissà Bugo cosa pensa di questa morganata, non ha voluto commentare, ha preferito la diplomazia.


“Non sono un rapper, sono Morgan” ha poi svelato a chi non l’aveva capito. La sua era una provocazione al rap e poi si è scusato, ma sempre a modo suo, recitando i versi di Dante. E’ vero che alcune frasi dei testi di Junior Cally sono indecenti, non lo è però il brano che porta a Sanremo 2020. Giusta o no questa morganatica di oggi?


Ultime Notizie Flash su Instagram

Leggi altri articoli di Programmi TV

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close