Sebino Nela, come ha scoperto il tumore al colon

Sebino Nela a Oggi è un altro giorno racconta della sua vita, del tumore al colon, la lotta contro la malattia, la sua forza e anche il dolore perché non parla da 30 anni con la madre e con la sorella. L’ex calciatore Sebastiano Nela, che tutti conoscono come Sebino, 9 anni fa ha scoperto di avere il cancro al colon. L’ha capito sua moglie quando vedeva che a pranza mangiava pochissimo e leggero e il suo stomaco si gonfiava sempre. Ha insistito per un controllo ed è stata la sua salvezza. 4 interventi chirurgici, l’ultimo molto recente; due anni e mezzo e di chemio e tutte le conseguenze tra una cosa che sistemi e l’altra che rovini. Sebino Nela non ha mai perso il coraggio, si sente forte e sa che è stata la sua vittoria. Vedeva le figlie e la moglie piangere, ha capito che era lui a dovere dare forza a tutti. Si è chiesto più volte perché gli stesse capitando. Suo padre è morto con lo stesso male e parte della sua famiglia è stata distrutta dal cancro. Non ha mai trovato una risposta ma sa che è fortunato.

SEBINO NELA A OGGI E’ UN ALTRO GIORNO

Ringrazia i medici che l’hanno curato ma anche se stesso: è il suo carattere che l’ha aiutato. Si sente un calciatore di altri tempi, dice poche parole ma del tutto comprensibile il suo pensiero. La sua voglia di diventare calciatore già da ragazzino: “Questo carattere mi ha aiutato anche nella vita”. E’ sereno anche se ha sempre paura che il tumore possa tornare ma lui sarebbe sempre pronto a combattere: “Sono tranquillo, pronto”. Inevitabilmente ha anche fatto un bilancio della sua vita, nei momenti più duri ha però pensato che fosse positivo, anche se ha più dato che ricevuto, ne è certo. 


Il tumore lo ha cambiato, ha cambiato il suo modo di vedere la vita, non esistono più le lamentele per le cose superflue, per le piccole cose. Ha scritto un libro, Il vento in faccia, desidera che chi lo ha conosciuto come calciatore sappia che è una persona come tante, con una vera vita vissuta come tanti. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.