La mamma di Pupo in istituto, tutto è precipitato in pochi giorni

Ospite a Domenica In Pupo ha raccontato della mamma, della malattia che l’ha colpita in pochi giorni, perché in pochi giorni tutto è precipitato. Ha scritto per lei una canzone, Mara Venier pensa che sia la più bella di tutta la sua carriera. Pupo la canta alla fine dell’intervista, si commuove mentre lascio lo studio e saluta la Venier emozionata anche lei. Anche la madre di Mara ha avuto la stessa malattia, quattro anni prima di andare via. Da Domenica In oggi la puntata di un anno fa, era maggio dello scorso anno e Pupo e sua madre erano in collegamento, felici di cantare insieme; pochi giorni dopo tutto è precipitato.

IN POCHI GIORNI LA MADRE DI PUPO SI E’ AMMALATA IN MODO GRAVE

In realtà qualche indizio che lei non stesse bene c’era ma non credevano accadesse tutto così all’improvviso. Speravano che la malattia non andasse avanti o che almeno fosse molto più lenta. Pochi giorni dopo quel collegamento era già nell’istituto dove si trova ancora oggi. Demenza senile, Alzheimer, anche Pupo non sa con esattezza cosa sia accaduto e perché tutto così velocemente.

Va spesso a trovarla, di lei si occupano dei professionisti ma è quando vede suo figlio Enzo che si illumina, che diventa felice, in lui vede il sole. E’ una malattia che cancella in un attimo tante cose, che è difficile da capire, da gestire, che fa davvero male. Non lo riconosce, non riconosce più i suoi figli, le persone care, poi ogni tanto sembra avere degli attimi di lucidità ma sono solo illusione, come canta nel suo brano. 

E’ così doloroso per Pupo ma per tutte le persone che hanno una persona cara che giorno dopo giorno dimentica tutto, cancella tutto. E’ importante parlarne e lui l’ha fatto con questa canzone, la sua canzone più bella e vera per mamma Irene.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.