Iva Zanicchi chiede cosa ha di osceno l’ultima barzelletta. Serena Bortone l’aiuta

Iva Zanicchi è molto dispiaciuta, Serena Bortone cerca di aiutarla dopo l'ultima barzelletta a Ballando
iva zanicchi oggi

Iva Zanicchi cerca di capire dove sbaglia, cosa ha detto di così grave nell’ultima barzelletta raccontata a Ballando con le Stelle. Lo chiede a Serena Bortone. Iva Zanicchi è ospite a Oggi è un altro giorno e la conduttrice fa una premessa: “Io penso che a meno che non ci sia qualcosa di offensivo verso qualcuno tutto è lecito, rispettando anche gli orari”. La Bortone poi le chiede il perché le sue barzellette sono sempre un po’ pepate. Iva è certa che se non sono “sporche” non divertono nessuno ma che quelle che dice a Ballando non sono poi così scandalose. Non riesce a capire soprattutto perché la sua ultima barzelletta abbia così tanto infastidito Selvaggia Lucarelli. Ripete che lei fa spettacolo, che lo fa per il pubblico ma davvero non capisce.

Iva Zanicchi: “Ci sono rimasta male”

“L’ultima sera, venerdì a Ballando, io ho ballato e mi sono commossa, ci sono rimasta male per Samuel, per la coreografia che ha fatto lui, bellissima”. Si riferisce al ballo che raccontava di suo padre. E’ la volta in cui la Zanicchi ci è rimasta davvero male, non si aspettava le critiche dopo un momento così intenso. Samuel Peron è accanto a lei, annuisce, pensa che la sua ballerina non meritava di essere aggredita.

“La barzelletta che ho raccontato è così oscena?” chiede la cantante. La Bortone le sorride e le spiega: “C’è una sfumatura sessista nella barzelletta, una parola che si utilizza per offendere le donne ed è una cosa che può essere etichettata come sessista. Se tu vuoi mi chiami il giorno prima e io ti dico se la barzelletta è sessista o meno”.

La Zanicchi non si capacita, è una barzelletta che ha raccontato tutta l’estate anche nelle feste di piazza e una sera era presente anche un prete che si è divertito tanto, anche lui ha riso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.