Meluzzi difende Alda D’Eusanio: “Dopo il coma va capita e protetta”

Alda D’Eusanio espulsa e scomparsa dal GF Vip, attaccata anche da Alfonso Signorini e con un’unica difesa, quella del professor Alessandro Meluzzi. Non ha molti dubbi e del caso della D’Eusanio fuori controllo nella casa del Grande Fratello Vip ne ha parlato tra le pagine della rivista Nuovo. Possibile che una giornalista con una lunga esperienza televisiva abbia commesso errori così gravi in un reality show sempre in diretta? Ne ha dette varie ma sono le insinuazioni sulla vita privata di Laura Pausini e Paolo Carta ad averla messa in un bel guaio. Meluzzi ha spiegato quale potrebbe essere il disturbo di Alda D’Eusanio legato all’incidente e al coma: “La perdita del concetto del limite e del buon senso”.

ALDA D’EUSANIO VA AIUTATA 

“Con l’incidente e il coma la D’Eusanio ha perso il concetto del limite e il buon senso. Nel suo caso le inibizioni sono deboli e questo facilita il passaggio all’atto agito o a quello verbale. Perciò va capita, protetta, curata”. Meluzzi spiega che la D’Eusanio potrebbe soffrire di disturbi transitori della coscienza: “legati a una sofferenza circolatoria pregressa. Questo può essere un fatto che fa diminuire le capacità di autocontrollo e soprattutto le inibizioni delle condotte e dei comportamenti, anche verbali”.

Riferendosi al caso specifico, alle insinuazioni: “L’ipotesi è che in quella determinata circostanza può avere avuto un’attenuazione della sua vigilanza critica e autocritica, dicendo cose di cui non è in alcun modo responsabile”.

Parole ben diverse rispetto a quelle di Alfonso Signorini che nell’intervista a Repubblica l’ha definita una scheggia impazzita chiedendo la sua espulsione immediata. L’incidente a cui si riferisce Meluzzi risale al 2012, investita da uno scooter rimase in coma per vari giorni, ebbe bisogno di una lunga riabilitazione. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.