Emergenza caldo prosegue fino a metà luglio: altro week end di fuoco

Il caldo non ci da tregua e l’afa proseguirà fino a metà mese nonostante i temporali previsti. Il prossimo fine settimana sarà ancora più caldo del precedente

Print Friendly

caldo e afa

Il caldo non sembra voler mollare nonostante i temporali anche violenti che interesseranno il Nord. Sono previste infatti anche grandinate su Alpi, Prealpi e Piemonte, temporali che potrebbero arrivare anche fino alla Valpadana e che sono già state anticipate come improvvise bombe d’acqua. Ma le instabili correnti atlantiche precederanno semplicemente la fiammata sahariana, la continuazione del caldo di cui sembra abbiamo ricevuto solo un assaggio.

Gli esperti infatti avvertono che l’emergenza caldo proseguirà fino a metà luglio e che se lo scorso fine settimana abbiamo sofferto anche sulla spiaggia, il prossimo week end sarà ancora più ricco di calore.

A soffrire senza interruzioni sarà soprattutto il Centrosud dove l’anticiclone africano non ha mai lasciato spazio a temperature più basse. Punte che supereranno i 34 – 35° C. Nel week end una nuova ondata di aria bollente proveniente dal Sahara toccherà tutto il Sud Italia con temperature che toccheranno i 40° C. per quanto riguarda le zone interne di Sardegna, Campania, Basilicata, Calabria e Puglia; in Sicilia addirittura avremo punte di 42 – 43 ° C. e forse anche 45 per l’inizio della prossima settimana.

Purtroppo l’elevato tasso di umidità non garantirà il riposo di notte, soprattutto sulla Pianura Padana, dove le temperature notturne di 22 – 25 gradi saranno percepite anche oltre i 30.

Dopo il 15 luglio l’alta pressione africana dovrebbe ritirarsi più a sud lasciando spazio al più mite anticiclone delle Azzorre.

Print Friendly

Il caldo non sembra voler mollare nonostante i temporali anche violenti che interesseranno il Nord. Sono previste infatti anche grandinate su Alpi, Prealpi e Piemonte, temporali che potrebbero arrivare anche fino alla Valpadana e che sono già state anticipate come improvvise bombe d’acqua. Ma le instabili correnti atlantiche precederanno semplicemente la fiammata sahariana, la continuazione del caldo di cui sembra abbiamo ricevuto solo un assaggio.

Gli esperti infatti avvertono che l’emergenza caldo proseguirà fino a metà luglio e che se lo scorso fine settimana abbiamo sofferto anche sulla spiaggia, il prossimo week end sarà ancora più ricco di calore.

A soffrire senza interruzioni sarà soprattutto il Centrosud dove l’anticiclone africano non ha mai lasciato spazio a temperature più basse. Punte che supereranno i 34 – 35° C. Nel week end una nuova ondata di aria bollente proveniente dal Sahara toccherà tutto il Sud Italia con temperature che toccheranno i 40° C. per quanto riguarda le zone interne di Sardegna, Campania, Basilicata, Calabria e Puglia; in Sicilia addirittura avremo punte di 42 – 43 ° C. e forse anche 45 per l’inizio della prossima settimana.

Purtroppo l’elevato tasso di umidità non garantirà il riposo di notte, soprattutto sulla Pianura Padana, dove le temperature notturne di 22 – 25 gradi saranno percepite anche oltre i 30.

Dopo il 15 luglio l’alta pressione africana dovrebbe ritirarsi più a sud lasciando spazio al più mite anticiclone delle Azzorre.

Print Friendly
0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>